E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

Aveva da poco compiuto 60 anni. Lutto cittadino a Napoli. Sgomento in tutto il mondo per il decesso del più grande calciatore di sempre

Tifosi al San Paolo per Maradona (Foto De Cristofaro)

E' morto Diego Armando Maradona alle ore 16.00 italiane. L'ex capitano del Napoli aveva compiuto 60 anni meno di un mese fa. A dare per primo la notizia del decesso è stato il Clarin, noto quotidiano argentino, da sempre molto vicino al Pibe de Oro. Lutto cittadino a Napoli. Tre giorni di lutto nazionale in tutta l'Argentina. La camera ardente sarà allestita a Buenos Aires presso la Casa Rosada, sede degli uffici del Presidente della Repubblica. Le luci del San Paolo questa notte resteranno accesse in memoria del fuoriclasse argentino, come disposto dal sindaco Luigi de Magistris, che ha già annunciato la sua proposta di voler intitolare l'impianto di Fuorigrotta al 'Diez'. Sono tanti i tifosi accorsi per depositare fiori e messaggi per l'ex capitano azzurro all'esterno di quello che fu il suo stadio per 7 anni. Si tratta di una vera e propria vegli funebre silenziosa, intervallata da qualche coro. Tanta commozione per la fine prematura dell'eroe di un'intera città.

I motivi del decesso

Secondo la stampa argentina l'ex fuoriclasse del Napoli e campione del mondo con la nazionale Albiceleste nel 1986, ha perso la vita in seguito ad un arresto cardiorespiratorio mentre si trovava in una abitazione di Tigre (a pochi passi da Buenos Aires). Nelle scorse settimane era stato operato al cervello e poi dimesso l'11 novembre dalla Clinica Olivos di Buenos Aires. "E' una morte naturale", ci ha tenuto a precisare il medico legale intervistato dai giornalisti argentini davanti all'abitazione di Maradona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il saluto del suo Napoli

"Per Sempre. Ciao Diego". Così il Napoli, attraverso il suo profilo Twitter, ha voluto salutare il capitano di mille battaglie, l'uomo che ha guidato gli azzurri alla vittoria di due scudetti, una Coppa Uefa, una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana. 

Il club partenopeo ha anche cambiato il colore del logo da azzurro a nero in segno di lutto. 

"Tutti si aspettano le nostre parole. Ma quali parole possiamo usare per un dolore come quello che stiamo vivendo? Ora è il momento delle lacrime. Poi ci sarà il momento delle parole", scrive la società azzurra in un successivo tweet. 

Il Comune di Napoli pronto ad intitolare il San Paolo a Diego

Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, interpretando anche la volontà popolare, ha già anticipato sui social la sua intenzione di intitolare l'impianto di Fuorigrotta all'ex capitano azzurro. 

Intitoliamo lo Stadio San Paolo a Diego Armando Maradona!!!

— Luigi de Magistris (@demagistris) November 25, 2020

Anche l'Assessore comunale allo Sport Ciro Borriello ha confermato a Radio Kiss Kiss Napoli l'intenzione di intitolare il San Paolo a Maradona: "Già da domani lavoreremo per intitolare lo stadio San Paolo a Maradona. Lo stadio è nostro e lo possiamo fare. Ci sono dei passaggi burocratici da rispettare, convocheremo la commisione toponomastica, ma non credo ci saranno problemi. Diego è stato il più grande di tutti, per Napoli. Mi sono appena sentito con il Sindaco e da domani lavoreremo per questo. Ci sarà la commissione disciplina, ci sarà uno scambio di atti e con l'ok della commissione procederemo subito. Maradona era la città di Napoli". 

De Laurentiis: "Lo stadio si potrebbe chiamare San Paolo-Maradona"

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato ai microfoni dell'emittente francese Rmc Sport della morte di Diego Armando Maradona: "E' una tristezza infinita per tutta la città, per tutti i tifosi del Napoli. Maradona è stato l'irripetibile fenomeno del calcio. Nessuno è paragonabile a lui. E' stato unico, come un quadro del calcio. Con il Napoli ha fatto qualcosa di eccezionale. La reazione del popolo napoletano la si può immaginare".

"Domani sera, in occasione del match con il Rijeka, vorrei far passare il suo volto durante tutta la partita. Spero la Uefa ci autorizzerà. Credo sia il minimo. Potrebbe essere un'idea chiamare lo stadio San Paolo-Maradona. E' qualcosa che si può immaginare", ha concluso il patron azzurro. 

Bianchi: "E' una notizia sconvolgente"

Non riesco a parlare, davvero. Non sono in grado di dire parole sensate. Provo un grandissimo dolore, è una notizia sconvolgente”, le parole dell'ex allenatore del Napoli Ottavio Bianchi ai microfoni di Tuttomercatoweb. 

L'ultimo saluto della Nazionale Argentina

La nazionale di calcio argentina ha voluto dare l'ultimo saluto sui social al suo eroe: "Per sempre Diego. Sarai eterno in ogni cuore del pianeta calcio", il messaggio su Twitter.

Napoli sotto shock: le parole degli ex compagni

Sgomento a Napoli per il decesso del campione argentino, il più grande di tutti. Sotto shock i suoi ex compagni di squadra che amavano tanto Diego in campo e fuori dal campo.

Bruscolotti, il capitano del Napoli che cedette la fascia a Diego nell'anno del primo Scudetto, saluta così il suo ex compagno di squadra: "Napoli perde un figlio. Oggi lutto mondiale". Il dolore di Bruno Giordano: "Non riesco nemmeno a parlare".

Il messaggio del Premier Conte: "Addio eterno campione"

Anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha voluto salutare Diego Armando Maradona via social

"Il mondo intero piange la scomparsa di Maradona, che con il suo talento ineguagliabile ha scritto pagine indimenticabili della storia del calcio. Addio eterno campione", scrive il Premier italiano.

Il mondo intero piange la scomparsa di #Maradona, che con il suo talento ineguagliabile ha scritto pagine indimenticabili della storia del calcio. Addio eterno campione.

Pubblicato da Giuseppe Conte su Mercoledì 25 novembre 2020

Anche il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio ed il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, entrambi napoletani e grandi tifosi azzurri, hanno voluto ricordare il Pibe de Oro.

"Il più forte di sempre. Addio campione", scrive Di Maio. 

"La morte di Maradona è una notizia terribile. Era più di un campione, era un genio del calcio, un fuoriclasse assoluto. Ha rappresentato in una stagione irripetibile i sogni e le speranze del popolo della mia città. Napoli piange, stasera", le parole di Spadafora.

maradona striscione san paolo-3

TUTTI I GOL CON IL NAPOLI

Pelè: "Un giorno spero giocheremo insieme in cielo"

"Che notizia triste. Perdo un grande amico e il mondo perde una leggenda. Un giorno spero potremo giocare insieme in cielo", scrive l'amico rivale Pelè su Instagram. 

L'avvocato napoletano di Diego: "Non riesco a crederci"

Angelo Pisani, legale da tempo di Maradona, è intervenuto alla Rai: "Purtroppo devo confermarvi che dai familiari giunge la medesima notizia del decesso di Maradona per problemi sorti dopo l'operazione al cervello di qualche settimana fa. Non riesco a crederci, come tanti. L'ultima volta l'ho sentito qualche mese fa. Dai media argentini ho saputo di queste complicazioni in giornata e di soccorsi frenetici. Se ne va il più grande campione di calcio del mondo. Sono letteralmente sconvolto, ma un genio non muore mai, Diego vivrà sempre nei nostri cuori. La mia soddisfazione è quello di averlo riportato a Napoli da uomo libero e onesto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Minuto di silenzio

Sarà osservato un minuto di silenzio per ricordare Maradona durante le prossime partite in programma di Champions ed Europa League e della prossima giornata di serie A.

Luci e candele alle finestre

Domani 26 novembre, prima del match degli azzurri contro il Rijeka in Europa League delle ore 21, la città omaggerà Diego Armando Maradona con luci e candele alle finestre.

"Dopo il minuto di silenzio, faremo partire da ogni finestra di Napoli il più grande applauso mai sentito nella storia della città. Grideremo il nome di Diego per far sentire al mondo che non lo dimenticheremo mai, che Diego è il nostro figlio e fratello più amato. Inoltrate e condividete a tutti i Napoletani". E' il tam-tam che gira sui social per rendere omaggio a D10S.

LE LACRIME DEI NAPOLETANI

LE TAPPE DI UNA CARRIERA DA SOGNO

L'ETERNO RAGAZZINO DI LANUS, GIOIE IN CAMPO E DOLORI FUORI

LA PROPOSTA: INTITOLIAMO LO STADIO SAN PAOLO A DIEGO

"ORA SILENZIO. HA PAGATO UN CARO PREZZO AL CALCIO"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

Torna su
NapoliToday è in caricamento