menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maurizio Sarri

Maurizio Sarri

Napoli-Pescara, Sarri: “Ci hanno già messo in difficoltà, la loro classifica è bugiarda”

Alla vigilia della partita con gli abruzzesi, il tecnico del Napoli parla della sfida, ma anche di mercato, Maradona e del ritorno di Milik

La sfida con il Pescara, il momento degli azzurri, il mercato. Sono i vari argomenti toccati dall'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, nella conferenza stampa alla vigilia della prima giornata del girone di ritorno della Serie A.

LA PARTITA CON IL PESCARA - “Il Pescara è la squadra che ci ha messo più in difficoltà in questa stagione – ha spiegato il tecnico partenopeo – Non merita questa classifica, in fase di palleggio mette in difficoltà le avversarie. Dobbiamo fare una gran partita di attenzione e di umiltà”. Strinic sta bene – aveva fatto preoccupare nel corso di Napoli-Spezia – e dovrebbe partire titolare, in dubbio Chiriches, mentre Milik non sarà convocato e Pavoletti partirà dalla panchina.

DUBBI IN ATTACCO – Tra l'arrivo di Pavoletti, il ritorno di Milik, un ottimo Mertens ed un Gabbiadini in grande spolvero proprio al momento di chiudere le valige, c'è persino abbondanza in avanti per gli azzurri. Sarri ha spiegato come stanno le cose. “Milik è guarito, ma tra la guarigione e l’efficienza agonistica il passo è ancora lungo – ha spiegato il toscano – non sta facendo ancora partitelle, quindi penso che ci vuole ancora un po’ di tempo”. “Pavoletti poi ha spiegato l'allenatore – ha pochi allenamenti con noi. È pronto per alcuni spezzoni, ma non ancora per novanta minuti. “Su Gabbiadini, quando è stato chiamato in causa ha fatto il suo dovere e si è fatto trovare pronto, per me non è cambiato nulla rispetto a quattro giorni fa”.

MERCATO DI RIPARAZIONE – Per quanto riguarda il mercato di riparazione Sarri ha liquidato la domanda dei giornalisti con una battuta: “Babbo Natale già è passato, anche la Befana, quindi non mi aspetto più un ca..o da nessuno”.

MARADONA AL SAN CARLO – “Maradona sta bene in uno stadio, sarebbe un'emozione diversa vederlo al San Paolo anziché vederlo a teatro. A noi farebbe non solo piacere, sarebbe emozionante. Poi toccherà a lui scegliere se venire o no”.

LA STAGIONE DEL NAPOLI – “L’unico modo di andare avanti – ha specificato il mister – è rendere il 101%, un obiettivo straordinario, pensare partita dopo partita, senza guardare mai oltre, neanche al Real Madrid. I tifosi possono sognare in relazione alle sensazioni che sta dando questa squadra”. “Se parliamo numericamente siamo la quinta forza del campionato, ma non è detto che vogliamo arrivare quinti. Siamo la cenerentola della Champions, ma non vuol dire che non vogliamo arrivare in finale – spiega Sarri – I sogni dei tifosi sono anche i nostri, ma bisogna fare i conti con la realtà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento