Sorrento non balneabile: è polemica sul sistema fognario

I rilevamenti dell'Arpac dell'11 e 12 agosto scorsi a monte della decisione di ieri del sindaco. Molti turisti oggi continuavano però a fare il bagno

Sorrento

Stamattina Sorrento si è svegliata con le sue acque, da Marina Piccola alla Villa Pompeiana, non balneabili fino a nuovo ordine. Eppure, complici le neanche 24 ore dall'ordinanza, nessun cartello avvertiva i numerosissimi turisti, che di fatti proseguivano a fare il bagno in zona.

L’Arpac aveva riscontrato, tra l’11 e il 12 agosto, inquinamento da escherichia coli e coliformi fecali in cinque zone della penisola sorrentina. A monte, il violento temporale dell’11 agosto e soprattutto l’inadeguata rete fognaria dei Comuni, un sistema che gli esperti criticano da tempo.

Di fatto, quando le acque piovane esondano, si fondono alle acque luride, così che quest'ultime finiscono sversate direttamente a mare senza passare per il depuratore.

Già venerdì scorso il sindaco di Sant’Agnello Piergiorgio Sagristani aveva anche chiesto scusa ai turisti, denunciando la mancanza di investimenti per la rete fognaria. Ora la situazione si avvia a diventare un vero e proprio “caso”. E i cittadini, visto il rischio di perdere le notevolissime potenzialità turistiche della zona, protestano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento