rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca

Infermieri aggrediti al Pellegrini, l'accusa: "Dov'è il presidio di sicurezza promesso dal governo?"

Sarebbe dovuto partire a gennaio, ma – spiega il sindacato Nursing Up – "per il momento ciò che è stato annunciato pare che non sia ancora avvenuto"

"Brutalmente picchiati", vittime di una "furia cieca e inspiegabile". Antonio De Palma, presidente nazionale del Nursing Up, sindacato degli infermieri italiani, commenta così l'episodio balzato domenica agli onori della cronaca riguardante due infermieri aggrediti al Pellegrini. "La loro unica colpa", spiega De Palma, è stata "non essere riusciti, nonostante ce l'abbiano messa davvero tutta, ne siamo certi, a salvare la vita di un 64enne giunto già in arresto cardiaco".

L'aggressione è stata ad opera del figlio 27enne dell'uomo che ha perso la vita. Ha colpito con violenza, al punto che uno dei due infermieri ha riportato un grave trauma maxilo facciale da 21 giorni di prognosi.

Contro il governo: "Dove sono i presidi promessi?"

"La Campania e Napoli sono nuovamente teatro di vergognose aggressioni ai danni dei nostri operatori sanitari – è la denuncia del presidente del Nursing Up – Ciò che ci fa ancora di più preoccupare, oltre ai vili e inspiegabili fenomeni di violenza, è la tardiva risposta di un Ministero degli Interni che aveva inserito proprio il Vecchio Pellegrini, a metà gennaio, insieme al Cardarelli e all'Ospedale del Mare, tra le strutture regionali destinate immediatamente al ripristino dei presidi di pubblica sicurezza. A quanto ci risulta, invece, sarebbero intervenuti i carabinieri della stazione di San Giuseppe. Nella giornata di ieri abbiamo voluto accertarci di persona se nei tre ospedali napoletani i tanto attesi presidi sono stati attivati. Per il momento ciò che è stato annunciato pare che non sia ancora avvenuto, e le aziende sanitarie sarebbero state informate che il tanto atteso cambiamento, così come previsto per numerose strutture del Lazio, sarebbe imminente".

La reazione di Verdoliva

"Quello che è accaduto questa notte è inaccettabile". Così già domenica era intervenuto sul tema Ciro Verdoliva, direttore generale dell’Asl Napoli 1 Centro. "È inaccettabile che chi dovrebbe intervenire con risolutezza non lo faccia. Servono processi immediati e pene esemplari a carico di chi si macchia di questi reati. Siamo solidali con il nostro personale che ha dovuto subire l’ennesima aggressione e che, nonostante tutto, non ha smesso di dimostrare abnegazione e professionalità". "Nonostante quanto accaduto - ha aggiunto Verdoliva - le vittime dell’aggressione hanno continuato ad aiutare i colleghi rimasti in servizio, i quali hanno dovuto assistere, poi, un uomo raggiunto da colpi di arma da fuoco, oltre a tutti gli altri pazienti".

 "Prima ancora di pensare di avere presidi delle forze dell’ordine in ospedale è necessario che il legislatore persegua con determinazione la violenza a carico degli operatori della sanità nell’esercizio delle proprie funzioni - prosegue Verdoliva - È necessario che si intervenga in analogia a come lo si è giustamente fatto nei confronti della violenza contro le donne. Serve certezza della pena con processi rapidi e condanne esemplari, altrimenti questi 'animali' continueranno ad imperversare nei nostri ospedali con il rischio che, prima o poi, ci si trovi a piangere un morto".

Verdoliva ha ricordato che da anni l’Asl Napoli 1 Centro, e non solo, è impegnata in una battaglia di civiltà che dovrebbe riguardare tutti. "Che siano proiettili, pugni, schiaffi o insulti, ogni colpo è un colpo che alla fine si ritorce contro tutta la collettività. Solitamente si dice 'continuiamo a lavorare a testa bassa', io invece dico che continuiamo a lavorare tutti insieme 'a testa alta'; continuando a onorare il nostro motto 'una Squadra al lavoro per garantire salute'. Una parte della popolazione si sente al di sopra della legge, c’è un senso di impunità, ed è su questo aspetto che bisogna assolutamente lavorare. Facciamo in modo che medici e infermieri siano eroi solo per il fatto di salvare vite umane, non per aver sacrificato la propria".

Rea: "Denunce inutili, forse si attende il caso eclatante"

Anche la presidente dell'Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli, Teresa Rea, aveva rilasciato delle dichiarazioni appena informata della duplice aggressione.
"Gli infermieri svolgono un essenziale servizio di pubblica utilità e solo per questo finora abbiamo garantito assistenza senza mai fermarci, anche operando in situazioni difficili, aggressioni e violenze comprese. Non sono bastati fin qui le denunce, gli appelli, gli allarmi lanciati alle forze dell'ordine e di Governo del territorio. Forse si attende il caso eclatante", spiega. "Oppure che gli infermieri, esasperati e frustrati – prosegue Rea – incrocino le braccia per difendere il diritto all'integrità fisica, al rispetto, a lavorare senza essere continuamente aggrediti, minacciati, offesi e vituperati".

"Ringrazio il direttore generale dell'Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva, per la solidarietà manifestata e per la precisa presa di posizione contro ogni forma di violenza ai danni degli infermieri - ha aggiunto la presidente Rea – da parte nostra piena solidarietà dell'Ordine ai colleghi aggrediti". "A essi va la vicinanza e la comprensione di tutta la professione, messa ogni giorno alla prova da condizioni di lavoro ormai insostenibili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermieri aggrediti al Pellegrini, l'accusa: "Dov'è il presidio di sicurezza promesso dal governo?"

NapoliToday è in caricamento