menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carla Caiazzo, lacrime e dolore: la toccante intervista a "I Fatti Vostri"

"Quell'uomo voleva uccidere me e sua figlia. Una follia che non capisco". Il presente: "A volte ho dei forti cedimenti e credo di non farcela, poi penso a mia figlia"

Una toccante intervista, la prima pubblica, quella che Carla Caiazzo ha rilasciato tra le lacrime a I Fatti Vostri ripercorrendo quei momenti terribili. Lo scorso febbraio Paolo Pietropaolo, il suo ex compagno, le diede fuoco. Carla, 38 anni, era incinta di 8 mesi. Inquientanti i particolari raccontati a Filomena Rorro dal letto del Cardarelli.

"Quello che mi far star male e mi fa impazzire è il suo sorriso sulle labbra, una violenza inaudita, è quella che mi ferisce. Quell'uomo non voleva uccidere soltanto me ma anche sua figlia. E' questa la follia che non capisco. Era calmissimo, era dolce. Mi presentò anche i vestiti che aveva regalato alla figlia, quindi un momento tenero per lui. Come si fa a fare una cosa del genere, glielo vorrei chiedere. Col sorriso sulle labbra e ad andarsene col sorriso sulla labbra, e dire "ora vai, vatti a divertire, sorridi ancora…". Sono quattro mesi che non sorrido più dai dolori. Lo conoscevo da tantissimi anni, è sempre stata una persona particolare, ma mai una violenza del genere. Qualche schiaffo, come se lo possono dare milioni di coppie anche se è inaudito. Sono stata la sua assistente, la sua psicologa, l'ho aiutato tantiissimo, doveva essermi grato solo per il tempo che ho donato a lui e alle sue problematiche".

E poi: "Ricordo che c'era il vicino di casa a cui ho chiesto aiuto. Mi ha prima strangolata e poi, quando ho ripreso coscienza, ho chiesto aiuto al mio vicino per farmi spegnere. Sono rimasta in piedi per far capire a queste persone che fossi incinta di otto mesi. Per fortuna poi mi sono svegliata grazie a tutti quelli che mi sono stati vicino. Ringrazio il primario del Centro Ustioni, è stato bravissimo con tutta l'equipe, gli infermieri".

I Fatti Vostri-2
Sul presente: "A volte ho dei forti cedimenti e penso di non continuare a farcela, però sono alla fine, devo farcela, ho una bambina, non posso decidere solo della mia vita, altrimenti avrei ceduto. Quando penso a lei, vedo tutta la grinta che ho dentro. Sono stati dei dolori troppo forti da sopportare. Ho subito tanti interventi, non me li ricordo nemmeno più, sono così stordita. Ricordo sempre e solo quel momento crudele, mai svanito purtroppo".

Sulla piccola Giulia Pia, salvata dai medici: "L'ho vista dopo tre mesi e mezzo, è bellissima, una cucciola, la più grande forza della mia vita. Mi dico che non posso mollare. Per fortuna mia madre è una donna fortissima, non c'è giorno in cui io non abbia bisogno di lei. C'è anche mia sorella, piena di energia da vendere, è formidabile".

Sul futuro: "Quando mi sentirò pronta, mostrerò di nuovo il mio volto, soprattutto a quelle donne che magari tacciono su queste problematiche che hanno in casa. Nessuna donna deve mai pensare di conoscere a fondo il proprio uomo. Ho resettato il mio ex, non ricordo nulla di bello ora, e mai la ricorderò. Non è giusto perché la vita è una sola. Ho accettato questa intervista per quelle donne che aspettano che il loro uomo cambi. Meglio starsene da soli che avere un uomo così crudele al proprio fianco".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento