Napoletani scomparsi in Messico, ricerca estesa ad altri due stati messicani

Da Jalisco le ricerche si estondono ai due stati confinanti Michoacan e Colima. Il Procuratore scettico sull'arrivo dei poliziotti italiani: "Non si sentano obbligati, stiamo lavorando"

A 37 giorni dalla scomparsa di Raffaele Russo, Antonio Russo e Vincenzo Cimmino, i tre napoletani di cui non si hanno notizie dal Messico dal 31 gennaio, dalle ricerche condotte dalla polizia messicana nulla è ancora emerso. La decisione di inviare poliziotti italiani sul posto è stata accolta tiepidamente dal Procuratore di Jalisco Raul Sanchez Jimenez: "Se vogliono venire sono i benvenuti, ma non si sentano obbligati: stiamo lavorando". Le ricerche, in effetti, come si apprende da fonti messicane, sono state estese dallo stato di Jalisco ai due stati vicini: Michoacan e Colima.

"Su Michoacan abbiamo già fatto diverse ricognizioni aeree e via terra, cercando veicoli e persone", ha detto il Procuratore Sanchez Jimenez. Finora nessun risultato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vietato uscire a Natale e a Capodanno fuori dal comune: "Non sarà possibile raggiungere i nonni"

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

  • Sindrome di Kawasaki (o simil Kawasaki): 5 i casi a Napoli

  • Scossa di terremoto nella zona flegrea: l'evento sismico avvertito dalla popolazione

  • Le migliori dieci canzoni su Diego Armando Maradona: la classifica

  • Dj Aniceto: “Maradona non è morto mercoledì ma il giorno che ha sniffato cocaina”

Torna su
NapoliToday è in caricamento