Risolto il mistero dei dischetti "fantasma" in spiaggia

Tutta colpa di un cedimento strutturale

Foto Ansa dei dischetti

Risolto il mistero dell'inquinamento da dischetti di materiale plastico, che sono apparsi in diversi punti dei tratti costieri del Mar Tirreno Centrale. La presenza del materiale è stata segnalata in particolare nei pressi dell'isola di Ischia, sul litorale campano e su quello laziale tra Fiumicino e Anzio, come segnalato da RomaToday.

Il lavoro delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera ha accertato la forte concentrazione di tali filtri nelle vicinanze di un impianto di depurazione collocato in prossimità della foce del Sele e sugli argini del fiume.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il personale della Guardia Costiera ha accertato che la fuoriuscita dei filtri è dovuta ad un cedimento strutturale di una vasca dell'impianto nel fiume Sele. I dischetti sono poi confluiti nel Mar Tirreno e hanno raggiunto Lazio, Campania e Toscana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento