"Aiutiamo Elettra": l'appello per la piccola con una malattia rara

Ai familiari i medici non hanno dato speranze. La loro richiesta è riuscire a conoscere tutto il possibile sul male di cui è affetta la neonata

L'appello dei familiari è stato rilanciato sui social, e condiviso anche da La Radiazza di Radio Marte. La piccola Elettra, nata pochi giorni fa al Policlinico.

"Dopo 16 ore dalla nascita è stata transferita d'urgenza in terapia intensiva, le hanno diagnpsticato una malattia metabolica rara, si presume glutarico aciduria di tipo 2. Capita 1 caso su 200.000 e ad oggi il primo caso che capita al Policlinico di Napoli", spiegano i familiari.

La situazione è drammatica. "I dottori non ci hanno dato speranza, ci hanno confermato che la bambina dovrà morire, è solo questione di tempo, giorni o addirittura ore". Eppure i genitori hanno una speranza: "E se si fossero sbagliati, perché condannare a morte la piccola Elettra?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ad oggi non risulta neanche che si siano interfacciati con il Bambino Gesù di Roma o qualche altra struttura all'avanguardia - proseguono i familiari . CHIEDIAMO AIUTO. Se qualcuno ci può dire di più su questa malattia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel napoletano la spiaggia del sesso tra scambisti, la denuncia: "Succede di tutto"

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

  • Sirt, la dieta che fa perdere peso e migliora la salute

  • Occupa una casa con i sei figli, l'appello di Antonio: "Non mandatemi via. Voglio pagare l'affitto"

Torna su
NapoliToday è in caricamento