rotate-mobile
social

Coppola-Lay-Attanasio: assieme per dire "no" alla discriminazione della musica neomelodica

In concerto a Napoli il prossimo 11 aprile Nancy Coppola, Stefania Lay e Giusy Attanasio per il primo grande appuntamento neomelodico post-Covid

Nancy Coppola, Stefania Lay e Giusy Attanasio saranno sul palcoscenico del Palapartenope il prossimo 11 aprile per rilanciare il senso, il significato e la dignità della musica neomelodica napoletana che difendono con forza, come attesta il titolo in cartellone: Le Neomelodiche.

Il nostro concerto è una provocazione contro lo stereotipo che associa la musica neomelodica al trash, ed un tentativo di coinvolgimento di quei napoletani – anche colleghi – che oggi prendono le distanze da questo genere. il punto è che «noi raccontiamo le storie vere», storie in cui tutti possono identificarsi», e a Napoli, in particolare tra la gente comune, si trova di tutto. I neomelodici parlano a un pezzo d’Italia, non piccolo, che sfugge alle sirene del mainstream culturale e persino di quello alternativo”, spiegano in un comunicato le tre artiste.

L’evento sarà preceduto dall'uscita dell'omonimo singolo il giorno 14 marzo.

Il primo grande appuntamento neomelodico post-Covid

Il concerto è il primo grande appuntamento neomelodico post – pandemia.

Per noi il rapporto con il nostro pubblico è fondamentale, spesso traiamo ispirazione per le nostre canzoni proprio dalle storie di chi ci segue. Ci è mancato tanto il contatto fisico – quello che avviene in occasione dei concerti, delle feste, dei matrimoni a cui partecipiamo - fatto di cori, abbracci, strette di mano, pianti. Abbiamo cercato di tener compagnia a chi ci apprezza attraverso i social con dirette, live… Ma essere sul palcoscenico avanti a migliaia di persone che ascoltano la musica, cantano in coro le parole delle canzoni, ed in generale condividono il progetto, è molto più emozionante. Vorremmo già fosse aprile!”, concludono Nancy, Stefania e Giusy.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppola-Lay-Attanasio: assieme per dire "no" alla discriminazione della musica neomelodica

NapoliToday è in caricamento