rotate-mobile
Sabato, 3 Dicembre 2022
Politica

Elezioni Comunali 2020, il centrosinistra fa incetta di sindaci nel napoletano

L'analisi del voto nei 28 comuni andati alle urne in provincia di Napoli

La coalizione di centrosinistra fa incetta di sindaci nei 28 comuni al voto nel napoletano. Schiaccianti i successi dei riconfermati Buonajuto (Ercolano), Sarnataro (Mugnano), Zinno (San Giorgio a Cremano) e Cirillo (Cardito).

Riconfermato, seppur con una percentuale meno netta, anche Marco Antonio Del Prete a Frattamaggiore. Importanti anche i successi di Carmine Lo Sapio a Pompei (dove però c'è ancora una sezione in bilico per alcune schede contestate) e di Vincenzo Falco a Caivano, dove il centrosinistra si presentava in coalizione anche con il Movimento 5 Stelle.

Il centrodestra vince, invece, a Casalnuovo con il riconfermato Massimo Pelliccia, che supera il candidato del centrosinistra Giovanni Nappi.

Per quanto riguarda i candidati civici, da segnalare la riconferma di Dino Ambrosino a Procida, che ha sconfitto lo sfidante Luigi Muro, già a lungo sindaco sull'isola in passato. Parlando di isole, paradossale quanto accaduto a Lacco Ameno: i due candidati sindaco, Giacomo Pascale e Domenico De Siano, senatore di Forza Italia, sono arrivati appaiati con lo stesso numero di voti e dovranno sfidarsi nuovamente nel turno di ballottaggio in programma domenica 4 e lunedì 5 ottobre.

Ballottaggi necessari anche a Pomigliano d'Arco e Giugliano, dove c'era in campo l'alleanza Pd-5 Stelle, oltre che a Casavatore, Grumo Nevano, Sant'Anastasia, Saviano, Sorrento e Terzigno, dove Francesco Ranieri ha mancato la riconferma al primo turno per un soffio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Comunali 2020, il centrosinistra fa incetta di sindaci nel napoletano

NapoliToday è in caricamento