Raffaele Calabrò nominato vicepresidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane

Classe 1947 Raffaele Calabrò è stato per anni punto di riferimento per la sanità campana oltre che apprezzato ordinario di Medicina. Dal 2017 è rettore del Campus Biomedico di Roma

Raffaele Calabrò  è stato nominato vicepresidente  della Crui, la Conferenza dei rettori delle università italiane.  Affiancherà nel direttivo  il presidente Ferruccio Resta, Salvatore Cuzzocrea e il segretario generale Francesco Adornato.

Chi è Raffaele Calabrò

Nato a Lucera in provincia di Foggia il 19 febbraio 1947, Calabrò dal 1 settembre 2017 è rettore dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Particolarmente ricca la sua carriera: laureato nel 1971 in Medicina e Chirurgia all’Università di Napoli Federico II, specialista in cardiologia, è stato professore ordinario dal 2005  presso le Università “Federico II” e “Luigi Vanvitelli” di Napoli, assessore regionale alla Sanità dal 1995 al 1997, presidente del Consiglio della Regione Campania dal 1997 al 2000, senatore e deputato della Repubblica nelle legislature 2008-2013 e 2013-2017.

 “A lui i nostri migliori auguri, nella certezza che porterà un contributo indispensabile nella difficile sfida di sostenere i giovani e promuovere l’istruzione universitaria in un momento così delicato come quello determinato dall’emergenza pandemica da Cov-Sars2”, commenta Gabriella Fabbrocini, direttore dell’Unità Operativa Clinica e della Scuola di Specializzazione di Dermatologia dell’AOU Federico II di Napoli.

L’Università deve affrontare una grande sfida  – spiega in un comunicato il nuovo vicepresidente Crui Calabrò –  e rispondere alle aspettative delle nuove generazioni. I giovani stanno vivendo un profondo disagio a causa della riduzione delle possibilità di stare insieme, studiare e crescere nella relazione tra loro. Al contempo si sta avvicinando una grande opportunità, quella del Recovery plan che ci aiuterà a uscire da questa pandemia se sapremo investire sul capitale umano e sulla formazione delle ragazze e dei ragazzi”.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nonnine a mare per insegnare a navigare a grandi e piccini

  • Cyberbullismo: chiusa con numeri record l'iniziativa di formazione della scuola Merliano Tansillo di Nola

Torna su
NapoliToday è in caricamento