menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luigi Vollaro

Luigi Vollaro

La vita di Luigi Vollaro, il boss che sfidò Raffaele Cutolo

Dall'alleanza con Carmine Alfieri alle numerose faide interne, la sua storia è quella della violenta camorra in ascesa degli anni '80

Luigi Vollaro detto "'o Califfo", il boss della camorra di Portici spentosi la scorsa notte nel carcere di Opera a Milano, è stato uno dei primi leader camorristici sottoposti al regime di carcere duro predisposto dall'articolo 41bis. La sua storia è quella della violenta camorra degli anni '80, in espansione e sanguinaria.

Califfo, il suo soprannome, deriva dal fatto che pare abbia avuto 27 figli, da dieci diverse relazioni. È nel 1992 che si interrompe – almeno apparentemente – la sua carriera criminale. Un arresto che lo porta a scontare ben due condanne all'ergastolo, entrambe per omicidio. Vollaro, classe '32 è stato anche uno dei primi capoclan ad allearsi con il boss Carmine Alfieri nel cartello della Nuova famiglia, un'unione volta a contrapporsi all'espansione della Nco di Raffaele Cutolo.

Le due sentenze di "fine pena mai" a lui comminate derivavano dall'uccisione di due suoi affiliati, Giuseppe Mutillo, e Carlo Lardone. Il clan Vollaro, oltre che nella guerra sanguinosa degli anni '80 contro Cutolo, è sempre stato impegnato in faide interne. Il bilancio di 20 anni di faida, dal '77, è stato di ben 20 persone uccise.

La cosca, dopo l'arresto del boss negli anni '90 e le condanne, è stata retta dai figli di Luigi Vollaro Pietro, Giuseppe e Raffaele, finiti poi in carcere nella maxi-ordinanza eseguita con un blitz nel 2009 nel quale fu impegnato anche l'esercito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento