rotate-mobile
Cronaca

Galata Seaways, Saviano attacca il ministro Crosetto: "Perché inventarsi un dirottamento?"

"Tutto falso ma nessuna smentita o scusa è arrivata dal ministro della Difesa", spiega l'autore di Gomorra a proposito della viceda che ha visto come protagonista un mercantile turco al largo di Ischia

Sulla vicenda della Galata Seaways, la nave mercantile data inizialmente sui media (e dal ministro della Difesa Guido Crosetto) come “dirottata da migranti” e il cui caso si è man mano sgonfiato nelle scorse ore, è intervenuto lo scrittore Roberto Saviano.

“Il Ministro Crosetto ha mentito: nessuna nave è stata dirottata al largo delle coste di Napoli da immigrati – ha scritto l'autore di Gomorra – Nessuno voleva condurla forzatamente in Francia, dove peraltro era già diretta. Tutto falso dunque, e nessuna smentita o scusa è arrivata dal ministro della Difesa. Ecco, invece, i fatti: alcuni immigrati si erano nascosti in un camion. Nessuna violenza, nessuna resistenza, hanno semplicemente utilizzato dei coltellini per tagliare il telone di plastica del Tir per riuscire a respirare durante la traversata”.

“Ovvio – prosegue Saviano – se arriva una segnalazione si interviene. Ma che senso aveva parlare di pericolo dirottamento per 15 immigrati che con un coltello e un taglierino hanno tagliato il telo di plastica per non soffocare? Era importante capire cosa stesse accadendo o fare la solita comunicazione xenofoba anti immigrato? E soprattutto: perché la stampa nostrana si fa subito grancassa acritica di questa propaganda di così basso livello? Non si potevano verificare le informazioni del ministro Crosetto prima di rilanciare una notizia falsa? Non si poteva interpellare la Procura di Napoli che stava parlando con l’equipaggio e gli immigrati a bordo dell’imbarcazione?”.

Dall'autore di Gomorra poi un attacco alla stampa che non verifica ma “va a traino della comunicazione di governo”, e al ministro Crosetto il quale per Saviano dovrebbe imparare “prima di eccitarsi per un dirottamento inesistente, ad aspettare le valutazioni degli inquirenti. Altrimenti rischia di fare la figura di chi ha bisogno di drammatizzare per ottenere consenso politico”.

Crosetto respinge le critiche

Il ministro della Difesa oggi ha provato a respingere al mittente le critiche a lui indirizzate da quando si è scoperto, fin da sabato pomeriggio, che aveva usato parole troppo enfatiche in relazione a quanto davvero accaduto al largo di Ischia. In realtà Crosetto non ribatte sull'accusa principale mossa nei suoi riguardi – aver parlato di un “dirottamento con ostaggi” nella realtà dei fatti mai avvenuto – ma piuttosto sottolinea come l'intervento delle forze speciali fosse assolutamente lecito per la presenza a bordo di due persone armate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Galata Seaways, Saviano attacca il ministro Crosetto: "Perché inventarsi un dirottamento?"

NapoliToday è in caricamento