rotate-mobile
Cronaca Casoria

Dj morto dopo ustioni per fiammata barbecue, 6 persone iscritte nel registro degli indagati

L'iscrizione da parte della Procura nel registro degli indagati di coloro che hanno prestato soccorso al giovane è un atto dovuto propedeutico al conferimento dell'incarico a un consulente

La Procura di Napoli Nord ha iscritto sei persone nel registro degli indagati nell'ambito degli accertamenti sulla morte di Filippo Marzatico, il 20enne dj morto lo scorso 8 luglio presso l'ospedale di Frattamaggiore dove era giunto dopo essersi provocato ustioni sul corpo durante l'accensione di un barbecue presso la sua abitazione a Casoria. 

L'iscrizione nel registro degli indagati (nei confronti dei quali viene ipotizzato il reato di omicidio colposo) di coloro che hanno prestato soccorso al giovane è un atto dovuto propedeutico al conferimento dell'incarico a un consulente in programma - come riferisce il Corriere del Mezzogiorno - martedì prossimo 26 luglio negli uffici della Procura.

Il consulente designato verrà incaricato di valutare la documentazione medica inerente il ricovero e il decesso del giovane e anche l'eventualità di procedere con un accertamento tecnico irripetibile, attraverso la riesumazione del corpo e l'autopsia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dj morto dopo ustioni per fiammata barbecue, 6 persone iscritte nel registro degli indagati

NapoliToday è in caricamento