menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Precipita aereo, morti due commercianti di Pozzuoli

Dolore e rabbia a Pozzuoli per l'incidente mortale in cui hanno perso la vita Sergio Mercuri, 45 anni, e Domenico Annella, 53. I due erano diretti su di un ultraleggero, il biposto P92, nel bolognese per una manifestazione. I cadaveri sono stati ritrovati soltanto nella notte vicino al relitto del velivolo

Potrebbero essere state le condizioni meteorologiche non favorevoli, le cause che hanno provocato l'incidente che ieri pomeriggio ha causato la morte di due commercianti napoletani a bordo di un ultraleggero. Il biposto P92 si è schiantato sulle colline di Ozzano a pochi chilometri da Bologna. Le vittime sono Sergio Mercuri, 45 anni, e Domenico Annella, 53, di Pozzuoli.

Rabbia, dolore e sgomento per la famiglia e gli amici di Sergio Mercuri e Domenico Annella che, mentre erano diretti al campo per la manifestazione "Cielo e volo", hanno avuto un incidente mortale a bordo del loro aereo.

Lo schianto è avvenuto sabato sera e, anche se si punta l'indice contro le cattive condizioni metereologiche, sarà l'inchiesta a stabilirlo. I due avevano fatto scalo ad Arezzo per un rifornimento e lì c'è stato l'ultimo contatto, con altri due colleghi napoletani decollati dalla Campania su un altro ultraleggero, anche essi diretti in Emilia dove sono regolarmente atterrati.

Dalle 16 però non sono arrivate più notizie dall'ultraleggero. Le ricerche sono iniziate subito. Sono accorse le squadre dei vigili del fuoco di Bologna e Imola e i carabinieri di San Lazzaro di Savena e Imola, mentre è stato allertato il personale del 118. Le ricerche si sono subito mostrate non facili per l'imperversare di un forte vento e a tratti anche la pioggia.

Solo alle 23 sono stati ritrovati i cadaveri e, a poca distanza, il relitto del veivolo.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento