menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Villa di Livia (ph.: Enzo Buono)

Villa di Livia (ph.: Enzo Buono)

Chiude in bellezza il Festival delle Ville Flegree

Gli organizzatori pronti per il prossimo calendario. Un intreccio di musica e immagini la manifestazione che ha coinvolto gruppi musicisti del Mediterraneo e artisti dei Campi Flegrei

Si è chiusa in bellezza la prima edizione del Festival delle Ville Flegree. A Villa di Livia, immagini e suoni del mito chiudono la kermesse che ha riscontrato grande successo. Il Koinè Ensemble, costituito da musicisti di primo piano nel panorama napoletano con la voce di Maria Grazia Schiavo (scelta dal maestro Riccardo Muti per il Festival di Pentecoste 2010 di Salisburgo), ha commentato con la propria musica i video sui posti più belli dei Campi Flegrei.

Video ed immagini erano già state proiettate durante la serata del 23 settembre, gli autori, Luciano Marini con Pietrovaldo Delle Donne, Sergio Coppola, Dante Manchisi, Emma Cianchi, Enzo Buono con Paolo Lubrano e Giuseppe Gaudino, hanno presentato i diversi volti di tutto il territorio flegreo. Presente ancheil regista puteolano Giuseppe Gaudino che, con il suo film “Giro di lune tra terra e mare”, è stato premiato anche al Festival del Cinema di Venezia ed ha riscosso numerosi premi dal Saint Vincent a quello del Festival di Rotterdam, da quello del Festival di Porto al premio Pasinetti e al premio Cinemavvenire. Di questo capolavoro è stato predentato un estratto, a cura di Luca Marini.

Le musiche eseguite sono state tutte composte da Alessandro Petrosino che pone l’attenzione sul territorio dei Campi Flegrei attraverso il recupero dei testi dei marinai del Rione Terra. Fanno parte del repertorio anche una poesia contemporanea dedicata al Rione Terra e il brano Fantasia Flegrea. Si tratta di musiche che per la prima volta sono state eseguite a commento di una serie di video, tutti dedicati a Pozzuoli.

Non solo artisti e musica, al festival, ma anche una buona degustazione dei piatti tipici della zona, curata dal noto Ristorante Bobò ed accompagnata da vini Doc delle cantine della Sibilla di Bacoli. Enzo Palumbo e Daniela Morante, invece, hanno offerto, con le loro istallazioni rtistiche, un originale punto di vista della loro ricerca. La visita archeologica è stata offerta dall’associazione Nemea grazie alla disponibilità della presidente, Andreana Moio e delle volontarie Adele Delicato e Stefania Simeoli.

L’evento è stato organizzato dall’associazione Manuel de Falla con la direzione artistica del maestro Alessandro Petrosino. Patrocino morale dell’Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo di Pozzuoli e del Forum delle Culture Napoli 2013. La formula ha unito musica, archeologia, arte contemporanea e degustazioni e numeroso è stato anche il pubblico che ha accolto con grande attenzione tutti gli artisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento