rotate-mobile
Chiaia

Al Molosiglio rinascono i giardini: 21mila metri quadrati di verde pubblico per la città

L’Associazione Premio Greencare in campo per la manutenzione e la cura triennale dei Giardini del Molosiglio. E' la più grande adozione della città di Napoli da parte di una associazione del terzo settore

L’Associazione Premio Greencare in campo per la manutenzione e la cura triennale dei Giardini del Molosiglio, 21mila metri quadrati di verde pubblico: è la più grande adozione della città di Napoli da parte di una associazione del terzo settore. Già iniziati lo scorso dicembre i lavori, tra le novità che interessano i Giardini c’è il già ripristinato roseto, con la messa a dimora di 45 esemplari di rosa intorno al Monumento al Fante; la segnaletica in italiano e inglese dedicata alla presenza degli uccelli, realizzata in collaborazione con l’Associazione Studi Ornitologici dell’Italia Meridionale, con la quale si sono anche installati nidi e mangiatoie per facilitare la vita dei volatili in ambiente urbano. Seguirà la realizzazione, in italiano e inglese, di pannelli per valorizzare la presenza della componente verde dell’area: dalla varietà di palme a una delle ultime pinete sopravvissute in città. Proprio su questa si concentreranno gli sforzi dell’associazione con un intervento di endoterapia che sarà proposto al Comune di Napoli. Inoltre, sempre in linea con il Regolamento del Verde urbano, si darà l’avvio all’iter per eliminare le ceppaie di 16 alberi segati per ammaloramento. Stamani il progetto triennale è stato illustrato dalla presidente di GreenCare, Benedetta de Falco, al sindaco di Napoli Gaetano Manfredi. Presenti anche l’assessore al Verde e Salute Vincenzo Santagada, e la presidente della Prima Municipalità Giovanna Mazzone. “Quello dei giardini del Molosiglio - ha spiegato il primo cittadino - è un esempio dell’importanza del rapporto tra pubblico e privato, che tiene conto anche delle esigenze di far vivere gli spazi verdi che riusciamo a proteggere non solo curandoli ma anche tenendoli vivi. È in fase di approvazione un regolamento del verde anche che regoli in maniera più moderna i rapporti tra pubblico e privato che stanno andando molto bene”. “C’è un grande sforzo da parte della nostra associazione a mettere in campo tutte le competenze che sappiamo attivare per far risorgere questi giardini meravigliosi - spiega de Falco – Abbiamo cominciato a prendercene cura solo lo scorso novembre e vedere come sono oggi frequentati, da cittadini e turisti, ci riempie di gioia e ci ripaga di tutto l’impegno. Siamo orgogliosi della fiducia che ha riposto in noi l’amministrazione comunale”. Anche l’area cani è stata ripristinata con l’evidenza di poche semplici regole da rispettare per la pacifica convivenza tra gli amici a quattro zampe.

MedaglieGreenCare

“Un bene preziosissimo – continua de Falco – in una città in cui gli spazi per i nostri amici a quattro zampe sono ridotti al lumicino. Ma dovremo attivare sinergie per il recupero delle fontane ed il restauro del Monumento al Fante”. Altra novità dell’adozione, sono le strumentazioni che si stanno utilizzando per le attività manutentive affidate all’azienda di manutenzione e cura del verde Batù Verde d’Autore: senza carburante e a batteria con tagliaerba, decespugliatori e soffiatori di nuova generazione. Tra le altre iniziative, un concorso per le classi di cinema, fotografia e disegno per gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, letture di favole green del GreenCare School per i bambini, visite culturali per la conoscenza del patrimonio botanico e faunistico, giornate di pulizia e cura con i volontari del FAI Delegazione di Napoli. Tra le aiuole che hanno ripreso gran parte della loro bellezza, si è svolta anche l’annuale cerimonia di consegna delle Medaglie delle Riconoscenza Civica 2024 dedicate a meritevoli cittadini, curatori del verde urbano, voluta da Premio GreenCare. Tra i premiati, la presidente dell’Accademia di Belle Arti di Napoli Rosita Marchese, la presidente della Fondazione Foqus Rachele Furfaro, il già direttore del Mann Paolo Giulierini, la regista Claudia Brignone con l’ostetrica Teresa De Pascale, il capitano di vascello Aniello Cuciniello, comandante Quartier Generale Marina di Napoli, gli imprenditori Carmine Ferrara, Nunzia Petrecca e Gianluca Picone, la storica dell’arte Antonella Pisano, i sodalizi FAI Delegazione di Napoli e Nati per leggere, e alcuni docenti e studiosi dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, tra i quali Riccardo Motti, Massimo Ricciardi, Elisabetta Moscato, Maria Vittoria Gagliardi. Dopo la cerimonia di conferimento, una visita guidata gratuita ai giardini ha fatto conoscere ed apprezzare agli ospiti non solo la componente verde (Giovanni Masucci), ma anche le prerogative storico-artistiche (Antonella Pisano) con la presenza delle fontane (Mimma Sardella). Tutte le attività di cura dei Giardini del Molosiglio sono sostenute da alcuni Soci Mecenati del GreenCare: Ferrarelle Società Benefit, Antony Morato, Idea Bellezza e un benefattore che vuole restare anonimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Molosiglio rinascono i giardini: 21mila metri quadrati di verde pubblico per la città

NapoliToday è in caricamento