menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verso Roma-Napoli, la prima del dopo Marino Le possibili formazioni

Comincia la nuova gestione del club dopo l’allontanamento del dg. Donadoni resta in bilico dopo le dichiarazioni di De Laurentiis: «Non avrei cambiato Reja». La velocità di Lavezzi per mandare in tilt la difesa più battuta del campionato. Da quando sono ritornati in A azzurri mai battuti all’Olimpico con i giallorossi

Il nuovo corso del Napoli, quello post Marino, riparte da Roma. Una sfida tanto affascinate quanto difficile. Un match che deciderà una volta per tutte il futuro anche di Roberto Donadoni, l’altro grande indiziato di inizio stagione. De Laurentiis vuole sciogliere ogni riserva prima della sua ripartenza per Los Angeles, fissata per il 6 ottobre. Solo un risultato positivo salverebbe la panchina dell’ex ct della Nazionale. Il rischio, quindi, di un altro ribaltone è serissimo.

Serve ora la continuità di risultati dopo la tribolata vittoria col Siena che ha quantomeno raddrizzato la classifica dei partenopei. Il Napoli affronterà una Roma priva di alcuni elementi fondamentali quali Mexes, Taddei e Julio Baptista e con l’impegno di Europa League ancora nelle gambe. Piccoli vantaggi che gli azzurri dovranno essere bravi a capitalizzare. La velocità di Lavezzi potrebbe essere la vera arma in più, contro una difesa che è la più battuta del campionato e che con Juan e Burdisso non eccelle certo in rapidità.

L’unico dubbio per Donadoni riguarda il pacchetto arretrato, dove Rinaudo ed Aronica si giocano una maglia da titolare. L’ex palermitano sembra in leggero vantaggio sul compagno. Se così fosse allora Cannavaro troverebbe posto sul centro-destra. Poco probabile che il tecnico bergamasco si lasci andare a nuovi esperimenti proprio in un match così importante per il prosieguo della sua avventura all’ombra del Vesuvio.
Ranieri, invece, sarà chiamato a dare una definitiva identità ai giallorossi che ad oggi, per stessa ammissione del tecnico romano non sono «né carne né pesce». Troppi ancora gli alti e bassi per la compagine capitolina, ampiamente sotto gli standard di rendimento degli ultimi anni. Colpa di un mercato asfittico e delle incomprensioni che hanno portato all’addio di Spalletti.

Tutto girerà, allora, attorno ai due uomini guida: Totti e De Rossi sono tra le poche certezze rimaste ed Ranieri punta soprattutto su di loro per risalire la china. Tra i pali potrebbe esserci il tanto auspicato ritorno di Doni, l’unico nella rosa dei quattro portieri a poter rappresentare una sicurezza.
Il Napoli si affida anche ai numeri, quelli che, da quando è risalito in Serie A, non lo hanno mai visto uscire sconfitto dalle recenti sfide disputate contro la Roma all’Olimpico. Un motivo in più per partire fiduciosi alla volta della Capitale.

Probabili formazioni di domenica 4 ottobre alle 15.00

Roma (4-4-2): Doni; Motta, Burdisso, Juan, Riise; Brighi, De Rossi, Pizarro, Perrotta; Vucinic, Totti. All.: Ranieri

Napoli (3-5-2): De Sanctis; Cannavaro, Rinaudo, Contini; Maggio, Gargano, Cigarini, Hamsik, Datolo; Quagliarella, Lavezzi. All.: Donadoni
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento