menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Steaua-Napoli: i video degli scontri rimossi dalla rete

A Bucarest in occasione di Steaua-Napoli si sono verificati scontri tra i tifosi delle due squadre. Gli scontri uploadati in rete dagli utenti sono stati rimossi per volere della Uefa

Come avevamo già raccontato prima, durante e in seguito alla partita di Europa League Steaua-Napoli, a Bucarest ci sono stati degli scontri tra i tifosi delle due squadre sia all'interno che all'esterno dello stadio Ghencea. All'interno dello stadio gli scontri si sono verificati al confine tra le due tifoserie: nello spazio che divide il settore ospiti da quello dei tifosi di casa. La polizia romena ha anche fermato alcuni tifosi dello Steaua.

Per tali tafferugli entrambe le società rischiano la squalifica del campo. La Uefa intanto ha imposto una multa allo Steaua di 30.000€. Dopo la partita, in rete, in particolare su blog e Youtube, si sono diffusi i filmati che ritraggono scontri, tafferugli, lanci di seggiolini e sciarpe del Napoli bruciate. Filmati che però non possono più essere visti, a quanto pare, per volere della Uefa. Infatti, quando si dà il via ai video in rete, si legge "Questo video non è più disponibile a causa di un reclamo di violazione del copyright da parte della Uefa".

Anche se i video sono stati rimossi, gli scontri ci sono stati, e la stampa romena ne ha parlato raccontando di aggressioni ai danni dei napoletani.
Nonostante il divieto di diffusione che la Uefa ha applicato alla rete, cercando nel web è possibile ancora vedere un video in cui i tifosi dello Steaua bruciano le sciarpe del Napoli e un altro, ancora più interessante e girato da tifosi azzurri, in cui si vede un lancio di seggiolini tra le due tifoserie. Altre foto documentano le cariche della polizia nel settore dei napoletani.

 

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento