rotate-mobile
Basket

Serie B: Crollo Geko, il derby è di Avellino

E’ di Avellino il derby del Palapuca. La Geko resta prigioniera delle difese a zona degli irpini e di percentuali molto negative, si innervosisce di fronte ad un arbitraggio a tratti discontinuo, ed è costretta ad una sconfitta pesante per morale e classifica

E’ di Avellino il derby del Palapuca. La Geko resta prigioniera delle difese a zona degli irpini e di percentuali molto negative (20/60 al tiro, 10/25 ai liberi), si innervosisce di fronte ad un arbitraggio a tratti discontinuo, ed è costretta ad una sconfitta (56-82) pesante per morale e classifica.

LA PARTITA –  Coach Gandini ritrova Quarisa e ripropone il suo quintetto base standard con Maggio, Mennella, Scali e Sgobba, Crosariol sul fronte opposto deve fare a meno di Vitale infortunato e parte con Traini, Caridà, Sandri, Eliantonio e Valentini. E’ una percussione di Scali a sbloccare la partita dopo 100” e 5 errori, ma le percentuali restano bassissime per entrambe le squadre e così al 7’ il risultato è ancora fermo sul 7-6 con uno 0/9 complessivo al tiro da fuori. E’ la Delfes la prima a segnare dall’arco, Arienti la mette sulla sirena dei 24” e nell’ultimo minuto del primo quarto gli ospiti provano l’allungo sul 9-13 poi confermato anche al primo break. Montanari riporta sotto i suoi quando si riprende a giocare ma poi si torna a sbagliare tanto e così Avellino al 14’ tocca il +6 (12-18)  con un gioco da 3 punti di Carenza. Time out inevitabile per i padroni di casa ma la musica non cambia e gli irpini al 15’ toccano il +11 (13-24) con Eliantonio. Le triple di Mennella e Scali tengono viva la Geko e fanno esplodere il Palapuca, ma l’attacco santantimese continua ad andare a sprazzi contro la zona e la IVPC, con Caridà on fire, al 20’ ha ancora un margine in doppia cifra: si torna negli spogliatoi sul 26-36 e con un fallo tecnico fischiato a coach Gandini a tempo scaduto per proteste.  

Si riparte con un libero di Traini e una tripla di Sandri per il 26-40 massimo vantaggio esterno, serve una reazione forte e finalmente arriva: Sgobba segna 9 punti consecutivi concretizzando anche una difesa pressante e al 23’ il margine è dimezzato (35-42) con Crosariol costretto a chiedere sospensione. Quando si torna in campo un paio di fischi fanno arrabbiare i locali e costano due nuovi tecnici a Maggio e Cantone; ne approfitta Avellino che con i liberi di Valentini e Traini e un break di Verazzo torna in pieno controllo e al 28’ è addirittura a +19 (37-56). Bisogna avere pazienza e difendere duro, Scali e Mennella rosicchiano subito 4 punti poi però due errori in attacco invalidano due ottime difese e così al 30’ gli ospiti hanno ancora un +18 da gestire.  Tanti, anche perché Sant’Antimo approccia l’ultimo parziale sbagliando 7 liberi di fila e così Traini e Verazzo possono firmare il +24 (44-68) del 33’ che suona come una condanna: la Geko non ha più energie né fisiche né mentali per reagire e così gli ospiti dilagano (+32 al 38’, 49-81) prima di chiudere sul 56-82.

IL DOPOGARA DI COACH GANDINI – “Sconfitta pesante perché siamo andati completamente fuori dal nostro percorso, senza rispetto per il nostro lavoro e per le nostre regole. Sono circa 2 settimane che lavoriamo male, senza la fame che ci aveva contraddistinto finora e questo non esiste, io ovviamente sono il primo responsabile, tocca guardarci tutti allo specchio e capire chi siamo e cosa vogliamo essere”.

Geko PSA Sant'Antimo - IVPC Del Fes Avellino 56-82 (9-13, 17-23, 18-26, 12-20)

Geko PSA Sant'Antimo: Giorgio Sgobba 13 (5/9, 1/5), Guido Scali 12 (2/6, 2/5), Marco Mennella 9 (1/3, 1/2), Fabio Montanari 9 (3/5, 1/2), Andrea Quarisa 6 (1/3, 0/0), Sreten Coralic 5 (1/1, 1/1), Mirko Gloria 2 (1/2, 0/0), Roberto Maggio 0 (0/3, 0/6), Carlo Cantone 0 (0/4, 0/1), Flavio Cannavina 0 (0/2, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 25 - Rimbalzi: 36 5 + 31 (Andrea Quarisa 11) - Assist: 11 (Roberto Maggio 3)

IVPC Del Fes Avellino: Matteo Caridà 17 (4/7, 3/8), Armando Verazzo 16 (3/3, 2/4), Andrea Traini 14 (3/4, 1/5), Giacomo Eliantonio 10 (5/9, 0/0), Riccardo Arienti 9 (0/1, 2/3), Giovanni Carenza 7 (2/4, 0/3), Andrea Valentini 6 (1/4, 0/0), Daniele Sandri 3 (0/4, 1/2), Andrea Bianco 0 (0/0, 0/1), Boris Vukobrat 0 (0/0, 0/1), Marco Venga 0 (0/0, 0/1), Gabriele Signorino 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 19 / 23 - Rimbalzi: 41 5 + 36 (Giacomo Eliantonio 9) - Assist: 16 (Giovanni Carenza 6)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B: Crollo Geko, il derby è di Avellino

NapoliToday è in caricamento