rotate-mobile
social

Nino D'Angelo ricorda il lockdown: "Il contatto social con i miei fan è stato di grande compagnia"

Il cantautore partenopeo rivive, nel suo libro, quei momenti difficili

Nino D'Angelo rivivie i momenti del primo lockdown e lo fa attraverso le pagine del suo libro "Il poeta che non sa parlare". Il cantautore partenopeo, che recentemente è stato colpito dal Covid, ha postato un passaggio del suo lavoro, ricodando quanto sia stato importante mantenere il contatto social con i suoi fan. 

"Ho imparato - racconta - nuove parole: lockdown, contaggiati, sintomatici e asintomatici, quarantena, contatto stretto, focolaio e tante altre ancora. Ritorneremo e Ce la faremo sono invece gli  slogans che ci hanno uniti nella stessa speranza. Il silenzio dalla strada ci appannava il vivere.

Una videochiamata dei nostri figli o parenti era il regalo più grande. Il contatto social con i miei fan in quei momenti è stato di grande compagnia. Ogni sera, come una famiglia allargata, il Popolo delle mie canzoni aspettava la mia buonanotte o qualche saluto in diretta e questo ci ha legati ancora più. Mi sono riappeso alla fede, non lo facevo da tanto. Quando hai Dio nel cuore è tutto più facile. Perché Dio è grande"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nino D'Angelo ricorda il lockdown: "Il contatto social con i miei fan è stato di grande compagnia"

NapoliToday è in caricamento