menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

SEL, "Bisogna riaprire gli PSAUT": "La Regione garantisca diritto alla salute"

"Chiudere i punti di primo soccorso non è altro che un modo per colpire i più deboli e gli anziani che in questo modo rinunciano alla prevenzione" dichiarano in una nota Scala e Fanelli

Dopo il circolo di Marano e l'interrogazione parlamentare, interviene anche il segretario regionale SEL Campania affinchè il Presidente della regione ed i consiglieri regionali si attivino per la riapertura degli PSAUT.

"La Regione garantisca il diritto alla salute ai cittadini campani" scrivono in una nota congiunta Tonino Scala Coordinatore di Sel Campania e Stefania Fanelli, coordinatrice SEL Marano.

"Un ennesimo attacco allo stato sociale - scrivono i due coordinatori di SEL - e alla sanità pubblica, perpetrato ai danni dei cittadini campani. Un vero e proprio smantellamento dello stato di diritto alla cura. Chiudere i punti di primo soccorso, infatti, non è altro che un modo per colpire i più deboli e gli anziani che in questo modo rinunciano alla prevenzione. In più si arreca un danno alle casse pubbliche a causa degli aggravi di spesa che ne conseguiranno. Su questa vicenda SEL ha presentato attraverso il proprio capogruppo alla Camera, l’On Arturo Scotto, una interrogazione a risposta scritta che verrà discussa nelle prossime ore. Nel frattempo noi chiediamo al Presidente della Regione di affrontare la questione che è di rilevante importanza con la giusta attenzione".

"Una delle vertenze più serie - si legge ancora nella nota - è quella che riguarda la città di Marano, dove è stato chiuso il PSAUT, sebbene abbia rappresentato per molti cittadini un punto di eccellenza per la qualità dell'accoglienza, dell'ascolto, della diagnosi e della cura. Ciò è avvenuto a causa della delocalizzazione dei vari PSAUT della provincia e dell’accorpamento ai Pronto Soccorso ospedalieri, ai sensi di una delibera la n. 881/2012 del ASL NA 2 NORD. A seguito di quel provvedimento molti comitati insieme con associazioni e singoli cittadini hanno organizzato proteste e raccolta firme con altissime adesioni. Il circolo di Sinistra Ecologia e Libertà é sempre stato parte attiva di quella protesta sostenendone in pieno le ragioni. L'Unione dei medici unità sanitarie, insieme con l’associazione Eco fascia costiera hanno poi presentato formale ricorso al TAR. Il Tar con la sentenza n. 4213/13 ed il Consiglio di Stato con la sentenza n. 3027/14 hanno accolto in pieno le ragioni della protesta ritenendo illegittima la delibera dell'Asl Na 2. La sentenza esecutiva imporrebbe quindi la riapertura degli PSAUT, ma a tutt’oggi l'ASL é ancora inadempiente e per tale motivo l'Unione dei medici unità sanitarie ha chiesto audizione alle Commissioni Trasparenza e Sanità della Regione Campania, presiedute da Ciarambino e Topo.
Si faccia presto, i cittadini non possono più aspettare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Vitamina E, Covid e sesso. Cosa sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento