Politica

Morte Andreotti, il pensiero di Roberto Saviano

Lo scrittore napoletano pone una riflessione sul senatore a vita scomparso ieri all'età di 94 anni, riproponendo una celebre intervista rilasciata al giornalista Eugenio Scalfari

Saviano

La scomparsa di un personaggio come Giulio Andreotti, protagonista per circa 60 anni della scena politica italiana, ha inevitabilmente suscitato molte reazioni, del contenuto più disparato.

Tra queste anche quella dello scrittore Roberto Saviano, che sulla sua pagina Facebook, ha posto una riflessione sul personaggio Andreotti, riproponendo una celebre intervista rilasciata dal senatore a vita al giornalista Eugenio Scalfari.

"Morto Giulio Andreotti, la prima immagine che mi è tornata in mente - scrive Saviano - è quella dell'intervista con Eugenio Scalfari in questo dialogo: “Dunque, presidente, è un caso che i familiari di alcune persone assassinate la odino? La odia il figlio del generale Dalla Chiesa: dice che c'è la sua mano nell'omicidio del padre. La odia la moglie di Aldo Moro che la ritiene uno dei responsabili della morte del marito. È un caso che la odi la moglie del banchiere Roberto Calvi? Dice che lei minacciò prima e ordino poi l'omicidio di Calvi. Dice che non l'uccise lo Ior, ma due persone: Andreotti e Cosentino, che adesso è morto".

"E poi mi domando: è un caso che lei fosse ministro dell'Interno quando Pisciotta è stato assassinato con un caffè avvelenato? Si disse che Pisciotta avrebbe potuto rivelare i mandanti dell'omicidio del bandito Giuliano. È un caso che il banchiere Michele Sindona sia stato assassinato allo stesso modo? Anche lui, costretto in carcere, avrebbe potuto fare rivelazioni fastidiose. È un caso che tutti dicano che lei abbia ripetutamente protetto Sindona? È un caso che il suo luogotenente Evangelisti abbia incontrato Sindona da latitante, a New York, in un negozio di soldatini? È un caso quello che dice il magistrato Viola, che se lei non avesse protetto Sindona non sarebbe mai maturato il delitto Ambrosoli? E ancora: è un caso che lei annota tutto scrupolosamente nei suoi diari e dimentica di annotare del delitto Ambrosoli? Ed è un caso che nel triennio '76-'79, quando lei era Presidente del Consiglio, tutti i vertici dei servizi segreti erano nelle mani della P2? È un caso che nei suoi ripetuti incontri con Licio Gelli, capo della P2, parlavate – solo ed esclusivamente – dei desaparecidos sudamericani? Così ha detto lei: "solo chiacchiere amichevoli".

"Infine, è un caso che lei sia stato tirato in ballo in quasi tutti gli scandali di questo paese? E tralascio tutti i sospetti che aleggiano sui suoi rapporti con la Mafia. Insomma – come ha detto Montanelli – delle due, l'una: o lei è il più grande, scaltro criminale di questo paese, perché l'ha sempre fatta franca; oppure è il più grande perseguitato della storia d'Italia. Allora le chiedo: tutte queste coincidenze sono frutto del caso o della volontà di Dio?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Andreotti, il pensiero di Roberto Saviano

NapoliToday è in caricamento