rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Di Maio e i retroscena nel suo libro: "Salvini? La persona più falsa che abbia conosciuto"

Nella sua autobiografia politica il ministro degli Esteri ripercorre la sua carriera e racconta aneddoti e dettagli sui protagonisti di questi ultimi anni

Salvini è "una delle persone più false che abbia mai conosciuto". È durissimo col suo ex compagno di governo Luigi Di Maio, nel suo libro "Un amore chiamato politica". Di Maio nell'autobiografia ripercorre la sua carriera e racconta aneddoti e dettagli sui protagonisti di questi ultimi anni.

Col leader della Lega, in particolare, il rapporto è descritto come particolarmente altalenante: tutto tra i due finisce con una lunga telefonata nell’agosto del 2019, ai tempi del Papeete.

Di Maio si pente non soltanto della vicinanza a Salvini però. Fa autocritica per il discorso sulla "abolizione della povertà" sul balcone di Palazzo Chigi, per la richiesta di impeachment a Mattarella. Lancia anche qualche frecciata a Matteo Renzi (colpevole secondo lui di aver orchestrato la crisi del Conte Bis e di aver fatto fallire una trattativa per un governo già nel 2018) e ad Alessandro Di Battista.

Nonché si dedica a gustosi restroscena come quello di una visita di Beppe Grillo a Palazzo Chigi e di un surreale botta e risposta con Donald Trump, il quale nonostante se lo trovasse davanti come ministro degli Esteri italiano non aveva idea di chi fosse.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Maio e i retroscena nel suo libro: "Salvini? La persona più falsa che abbia conosciuto"

NapoliToday è in caricamento