Elezioni Europee 2019: la guida completa al voto

Tutto sulle consultazioni in programma domenica 26 maggio dalle 7 alle 23

Domenica 26 maggio 2019, dalle ore 7 alle ore 23, si vota in Italia per le Elezioni Europee. Recandosi al seggio, gli elettori al Sud ed in Campania riceveranno una scheda di colore arancione, quella per la circoscrizione Italia Meridionale.

Come si vota

Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa che vi verrà consegnata al seggio, un segno X sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta.

E' possibile (non obbligatorio) esprimere da uno a tre voti di preferenza per candidati compresi nella lista votata. Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda e della terza preferenza.

Le preferenze si esprimono scrivendo, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella lista medesima; in caso di identità di cognome fra più candidati, si deve scrivere sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita.

EUROPEE 2019, AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE SUL VOTO | LA DIRETTA

EUROPEE 2019, IL FAC SIMILE DELLA SCHEDA ELETTORALE

Cosa serve per votare

Per votare occorre esibire la tessera elettorale e un documento di riconoscimento, anche scaduto. In particolare, sono validi ai fini del riconoscimento:

• Carta d'identità;

• Patente di guida;

• Altro documento d'identificazione rilasciato dalla pubblica Amministrazione, purchè munito di fotografia;

• La ricevuta di richiesta della Carta di identità Elettronica (CIE), in quanto contenente la fotografia e i dati anagrafici del richiedente la CIE ed il numero della CIE cui si riferisce;

• Tessere di riconoscimento rilasciate dagli Ordini professionali, purché munite di fotografia;

• Tessere di riconoscimento rilasciate dall'Unione nazionale ufficiali in congedo d'Italia, purché munite di fotografia e convalidate da un Comando militare.

In assenza di altri documenti di identificazione validi ai fini dell'esercizio del diritto di voto

• l’identificazione può avvenire per attestazione di uno dei componenti del seggio che conosca personalmente l’elettore;

• se nessuno dei componenti del seggio è in grado di accertare l’identità dell’elettore, l’identificazione può avvenire per attestazione di un altro elettore del comune personalmente conosciuto da uno dei componenti del seggio o che sia stato ammesso a votare in base a un regolare documento di identificazione rilasciato da una pubblica Amministrazione.

ELEZIONI EUROPEE 2019, TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

Votare con documento scaduto

Al fine di consentire un corretto e sereno svolgimento delle operazioni di voto da parte dei cittadini si riportano di seguito, come già in occasione delle consultazioni elettorali tenutesi nel 2018, alcune indicazioni in ordine ai documenti di identità che gli elettori potranno esibire per esercitare il diritto di voto. L'art. 57 del D.P.R. 361/1957 prevede che l'elettore possa votare esibendo la carta d'identità o altro documento d'identificazione rilasciato dalla pubblica Amministrazione, purchè munito di fotografia, e specifica che, ai fini della identificazione degli elettori, sono validi anche:

• le carte di identità e gli altri documenti di identificazione scaduti, purchè i documenti stessi risultino sotto ogni altro aspetto regolari e possano assicurare la precisa identificazione del votante;

• le tessere di riconoscimento rilasciate dall'Unione nazionale ufficiali in congedo d'Italia, purchè munite di fotografia e convalidate da un Comando militare;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

• le tessere di riconoscimento rilasciate dagli Ordini professionali, purchè munite di fotografia e convalidate da un Comando militare. Inoltre, il Ministero dell'Interno ha chiarito che costituisce valido documento di identificazione anche la ricevuta di richiesta della Carta di identità Elettronica (CIE), in quanto contenente la fotografia e i dati anagrafici del richiedente ed il numero della CIE cui si riferisce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, divieti e limitazioni per feste e cerimonie: tutte le decisioni di De Luca

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Boom di contagi in Campania, nuova ordinanza di De Luca: scuole chiuse e restrizioni sociali

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy: ecco dove acquistarle scontate

  • Scende dall'auto e si lancia nel vuoto dal ponte dei suicidi: muore 71enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento