Martedì, 18 Maggio 2021
Eventi

fuori luogo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Comunicato stampa

Via foria,76

Spingersi fuori, come dal balcone…

Precipit-azioni visuali a passo d'uomo, donna, bambino.

è un progetto

a cura di Domenico Pianese

per info 3478031546

mimpianese@yahoo.it

Le opere di artisti, diversi per esperienza, generazione ed estrazione, vanno al tempo del traffico in via foria 76, dove vivo e lavoro. Nel tentativo di fermare, forse suggestionare, chi và altrove e di riavviare la giornata di chi passa e va, a partire da una nuova riflessione, facendo un nodo su questo che si aggiunge al suo ascolto al suo modo di vedere distratto. I balconi di casa mia, sono un osservatorio privilegiato dal 1 piano, lungo questa arteria fondamentale per la città, da qui l'idea di esporre a un pubblico inconsapevole, cioè i passanti. E' inconsueto comunicare delle opere d'arte così, in quanto che queste, per prima, guardano dall'alto, il loro pubblico. Si inverte così la dinamica della fruizione e non solo. Oltre che essere un motivo di iper-azione e iper- relazione il balcone in questoprogetto è un motivo ricco di spunti di riflessione affianco o di contro agli spazi consueti per progettare il futuro che ha l'odore del nuovo ed è negli esseri pieni di meraviglia.

dal 10 fino al 25 Dicembre

fuori luogo

semmaifactory + Anne Katrin Schmid +Marianna Mendozza

Semmai factory nasce a Napoli nel 2005. Obiettivo del gruppo è quello di esplorare i territori della creatività in qualsiasi forma di produzione estetica. Le nostre operazioni/produzioni, quindi, vogliono andare a situarsi in quei momenti dell'esistenza che maggiormente mostrano la crisi della società contemporanea, perché pensiamo che proprio da questi spazi critici possa emergere una nuova

condizione di reinvenzione ludica del mondo. Fondamentale per noi è la creazione collettiva, in gruppo, perché riteniamo che un processo creativo/produttivo non sia mai un'iniziativa individuale ma sempre

solo un processo di relazioni e confronti continuo e iterativo. Il nostro obiettivo, infatti, più che produrre oggetti da vendere, consiste nello stimolare gli altri (i cosiddetti spettatori) a creare a loro volta, a farsi e prodursi un loro mondo così da poter tutti dare vita a un vero e concreto paradiso terrestre, qui e ora. Altro aspetto imprescindibile della nostra poetica è la condizione del riciclo. Per noi la famosa legge di Lavoisier resta la parola d'ordine incontestabile di ogni autentica azione estetica.

Riteniamo, inoltre, che quest'ultimo aspetto costituisca un'opportunità che uno sguardo autenticamente femminile nelle e sulle cose dell'arte (ma anche della politica, della società nel suo complesso, dell'etica ecc.) non possa trascurare.

Marianna Mendozza è una pittrice napoletana acusmatica la sua ricerca pittorica si completa con ambientazioni sonore aggiungendo un dialogo iper-acustico con le forme e i colori ricucendo con esse una traccia comune dell'inquitudine già in esse insita .

Anne Katrin Schmid è una pittrice con la vocazione di far interagire il pubblico quasi sempre nel suo lavoro "i bibalakas" è un messaggio interno, che è realizzato dagli ospiti di una mostra del 2009 da qualche tempo si aggiunge nelle ipermorbide creazioni delle semmaifactory…

Carlo De Rita definisce l'ultimo lavoro del gruppo:

…da un lato i flabbies alludono alla fragilità a cui è esposto oggi ogni tentativo di condivisione estetica dell'essere-in-comune, dall'altro lasciano trasparire che solo nell'essere esposto dell'opera d'arte all'infinito del sensibile e del senso, all'insaturabile eccedenza dell'esperienza estetica, può darsi una riappropriazione e re-istituzione politica della polis in quanto agire comune sempre esposto ad essere e a non essere nea-polis.

.Intanto è gia stato sui miei balconi…

Dal 26 di novembre sino al 10 dicembre iperartista e sarajevo supermarket, diventa un motivo di censura con la verità non esiste.

Dal 7 Novembre l'istallazione di Pasquale Cassandro il suo intervento per via foria, 76 era un installazione di un un manichino dipinto in tecnica mista a dimensione naturale dal titolo " Marilyn".

Sul balcone accanto l'installazione, nel contempo, di due giovani ex allievi miei del liceo, Matteo Carraturo e Gabriella Siciliano, "where is my mind "-

Claudio Cuomo è stato il primo appuntamento dal 21 ottobre fino al 5 novembre ed ha proposto due ritratti in carta pesta a dimensione reale uno del fotografo napoletano "Guido Giannini" e l'altro una figura femminile dal titolo "MaterMatuta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

NapoliToday è in caricamento