Sapete perché si dice “Nun sputà ‘ncielo ca ‘nfaccia te torna”?

Il famoso detto napoletano esorta a non disprezzare chi si trova su di un gradino più alto, perché questo comportamento potrebbe ritorcersi contro

Perchè si dice “Nun sputà ‘ncielo ca ‘nfaccia te torna”? A spiegarcelo è il libro “Come se penza a NNapule. 2500 modi di dire napoletani", commentati da Raffaele Bracale e a cura di Amedeo Colella.

Letteralmente: “Non sputare verso il cielo, perché ti torna in viso”. L’imperativo, oltre a contenere un’evidente riproduzione della realtà (poi che chi sputi verso l’alto, per l’ineludibile legge dell’attrazione terrestre, si vede ritornare in viso il suo medesimo sputo), è da intendersi nel senso che chi si ponesse contro la divinità, o chi comanda offendendoli anche con un ipotetico, figurato sputo ne subirebbe certamente le pronte conseguenze. Con la parola Cielo infatti si intende in primis il Creatore, ma - per estensione - i superiori in generale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Napoli, caso sospetto al Pellegrini: ricoverato cittadino cinese

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Coronavirus cinese: le istruzioni del Ministero della Salute

  • Allarme Coronavirus: i medici napoletani chiamati all'aeroporto di Fiumicino

  • Allarme coronavirus, Verdoliva: "Dovesse arrivare qui lo affronteremmo"

Torna su
NapoliToday è in caricamento