rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Cultura

Dai banchi di Amici alla canzone da milioni di streaming. LDA e Albe di nuovo insieme per Cado

Intervista ai due giovani cantanti idoli della generazione Z che lanciano un singolo che hanno scritto insieme nato durante una diretta su Instagram ed è già un successo

“Io e Albe siamo molto amici. Insieme ci divertiamo tantissimo, siamo come i due compagni di banco che si hanno a scuola” esordisce LDA, ovvero Luca D’Alessio, parlando di Albe conosciuto l’anno scorso all’accademia televisiva di Amici. In fondo, per un periodo della loro vista compagni di classe lo sono stati davvero. Insieme, si sono formati insieme condividendo una delle esperienze che probabilmente li accompagnerà per tutta la loro vita.

Dopo un anno, sono alle prese a raccogliere i primi frutti di ciò che stanno iniziando a seminare, mettendo anche in pratica ciò che hanno imparato ad Amici. Sono consapevoli che hanno ancora molta strada da fare nonostante i loro inizi di carriera siano ottimi: ogni loro brano ha milioni di stream e su social sono seguitissimi. Sanno che devono camminare con le loro gambe intraprendendo percorsi individuali per continuare a crescere come musicisti. Sono graniticamente convinti di ciò, tuttavia, hanno deciso di regalarsi una parentesi, testimonianza della loro amicizia e della stima reciproca che provano l’uno per l’altro e hanno scritto e cantato il singolo Cado che, oltre a spopolare nelle radio, è diventato virale nel web dopo averlo presentato in esclusiva live a Napoli davanti a centinaia di fan, con cui hanno un legame diretto e di scambio. Li coinvolgono rendendoli partecipi. “Se noi riusciamo a fare questo lavoro è per le persone che comprano i biglietti e gli album supportandoci. E’ il minimo fare qualcosa per loro e ringraziarli” sostiene LDA.

Una canzone nata per caso su Instagram che parla alla generazione Z

Si sa che le cose migliori nascono per caso, senza mai programmare ed è questo il destino del singolo Cado. Durante uno scambio reciproco e spontaneo di idee nel corso di una diretta social, LDA e Albe hanno composto testo e musica del brano, una canzone d’amore, dedicata a una persona speciale con cui condividere una notte magica dove i due artisti si lasciano andare ad uno sfogo catartico per il senso di vuoto che lascia una storia che finisce.

Sono ventenni e con le loro note parlano ai ragazzi della loro età. Il pezzo è piaciuto fin dal primo momento anche quando non era completamente finito quando hanno diffuso qualche stralcio su TikTok. Tutto è nato in modo goliardico con una diretta su Instagram per mostrare ai fan come lavorano. Questa naturalezza e spontaneità pervade in tutta la canzone.

Albe è dell’idea che Cado non annoi perché:“Il testo ha un flow nuovo rispetto a qualche anno fa, molto più immediato, che si rivolge a una generazione Z,ma potrebbe essere anche apprezzata dai millenial. Credo che parli alla generazione Z nel modo giusto” .

A questo si inserisce subito LDA: “Il linguaggio è cambiato, anzi, soprattutto questo. Riusciamo ad arrivare davvero a tutti i ragazzi. Basta guardare ai cantati che ci hanno formato e fatto da prof. Mio padre, Vasco Rossi, Venditti, arrivavano al pubblico con il linguaggio che c’era prima. Tutto sta in quello, a come si dicono le cose apparendo naturali non finti.”

“Cado è un pezzo che nasce dal nulla. Come le cose migliori. Non era stato programmato, alle due di notte ci ritroviamo in studio con una diretta Instagram accesa per fare tutto alla vista di tutti nella più totale genuinità. Gli accordi e il testo sono usciti da soli e quello che racconta credo sia un flusso di esperienze passate che in quel momento ci hanno permesso di esternare tutto quello che avevamo dentro” racconta Albe, al secolo, Alberto La Malfa, che è freso dell’uscita del suo omonimo album contenente l’estivo “Karma”, e i brani Sottovoce e Millevoci, canzone che ha ottenuto la certificazione d’oro.

Per LDA, Cado è il nuovo singolo dopo LO QUE MAS NOS DUELE”, versione bachata della sua hit certificata platino “Quello Che Fa Male”. Lui ribadisce il valore che ha per lui Cado, un brano nato come un gioco tra due amici: “La musica ti trasporta in un mondo parallelo ed entrambi, senza dirci nulla, abbiamo scritto le parole trattando lo stesso argomento. Il brano parla di una storia d’amore tra due persone che non vogliono lasciarsi, nonostante a volte le relazioni sono difficili da affrontare. Speriamo di riuscire a trasmettere agli ascoltatori le stesse sensazioni che hanno pervaso noi durante la lavorazione di questa canzone.”

In Cado si incastrano le melodie e i ritmi, che provengono dai generi così diversi della musica di LDA e Albe: si amalgamano trovando un’armonia musicale perfetta. Si compensano nelle loro differenze nella musica come nella vita.

“Io e Albe siamo diversi, lui è più diretto di me. Noi ci compensiamo nel nostro stile totalmente distinto” spiega LDA  “Io con la musica dico tutto ciò di cui non riesco parlare. Non amo rompere le scatole. Mi esprimo e dico tutto ciò che penso con la scrittura”.

Ribadiscono che a parte le incursioni da ospiti che potrebbero fare nei rispettivi tour, loro, avranno percorsi individuali e per ora escludono l’idea di collaborazioni con i loro stimati compagni d’avventura di Amici, anche se un giorno sia LDA che Albe desidererebbero una feat con Crytical. Hanno parole di affetto per i loro ex compagni, i quali subito hanno mandato il loro sostegno e complimenti con messaggi e telefonate per l’uscita di Cado.

Di fatto, loro però insieme sono una forza. Non hanno vinto il seguitissimo talent di Maria De Filippi ma entrambi sono seguitissimi sui social e le piattaforme e uniti hanno raggiunto vette altissime. “Se dovessimo parlare di streaming, io e Albe siamo i vincitori morali di Amici, però la musica ci ha insegnato che gli streaming non fanno l’artista” afferma LDA “Io sono molto contento di essere riuscito ad arrivare a tante persone. E’ un onore. Ho sempre guardato mio padre e l’affetto che hanno i fan per lui e continua a farmi strano (LDA è figlio di Gigi D’Alessio ndr). Partecipare ad Amici arrivando fino al serale significa già aver vinto. Siamo molto contenti che Cado sia nelle vette degli stream”.

“Nonostante abbia partecipato ad Amici, io mi sento ancora un emergente. Siamo entrambi agli inizi e dobbiamo farci le ossa” dichiara Albe.

Un alchimia musicale

Luca e Alberto sono molto affiatati. La loro complicità arriva a chi parla con loro. Non è un’alchimia solo artistica ma soprattutto umana. Quando incontrano la stampa in collegamento ZOOM non esitano a raccontare aneddoti attorno la registrazione di Cado, prendendosi anche in giro, a dimostrazione di quanto siano coesi: Albe è pignolo, puntuale, estroverso arriva dritto al punto; Luca è caotico, vulcanico ma per certi versi più chiuso ma estremamente dettagliato nel raccontare il suo lavoro.

Se non ci fosse stata questo forte rapporto d’amicizia probabilmente con difficoltà avrebbero potuto comporre un tipo di canzone come Cado. Hanno il loro modo per attingere dalle loro emozioni e a ciò che hanno vissuto e trasmetterlo nelle loro canzoni. Anche qui sono modalità opposte ma che riescono a congiungersi trovando dei punti di contatto. Musicalmente si sono trovati al piano nel creare gli accordi, lì la loro alchimia musicale è esplosa. “Tutto viene fuori dall’amicizia. Nella canzone confluiscono in qualche modo due storie prendendo spunti dalle proprie vicende personali e dal modo in cui vediamo le cose. Per esempio, io scrivo ricordandomi l’emozione precisa che provavo quel giorno. Ma quando si è messo a suonare e io mi sono messo lì a fare qualche linea melodica, tutto è nato in modo così naturale che neanche noi immaginavamo che venisse fuori una canzone così” ricorda LDA.

“Io ho scritto Cado in pieno flusso basandomi su ricordi e sensazioni generali vissute in passato” rivela Albe “Non l’ho dedicata a una persona particolare ma ho racchiuso e confluito tutto. Possono essere delle immagini e sensazioni istantanee non vissute realmente ma che mescolo nella verità”.

Il titolo Cado l’hanno scelto perché a entrambi è capitato di cadere sia nel loro percorso ad Amici che nella loro vita personale, però, sono sempre riusciti a rialzarsi.

Per Albe il significato è potente: “Quando cadi la cosa più bella è quando riesci ad alzarti con le tue forze più forte di prima. Sarà scontato ma è così.”

Da coro gli fa LDA che aggiunge: “Perché non raccontare anche quando si cade in amore? Quando una persona cade sono due le scelte: o si decide di restare a terra a piangere, oppure, anche se fa male ti rialzi ma prima o poi passa. A tutti capita avere delusioni in amore e sembra che il mondo ti cada addosso, ma si deve per forza andare avanti”.

Il rapporto con Napoli

Napoli è casa per Luca. Proprio a Napoli al cinema MED Space in un evento riservato solo alle persone che riuscivano a prenotarsi è stato presentato in anteprima Cado spoilerando in ateprimai l video. La bella accoglienza ricevuta ha coinvolto anche Albe. Grazie all’amicizia con Luca sta approfondendo la sua conoscenza con la musica napoletana. “Musicalmente, Luca mi ha trasmesso le melodie. Mi ha molto influenzato all’ascolto della musica napoletana classica e anche contemporanea imparando molte canzoni al pianoforte come quelle di suo padre. Poi mi ha fatto ascoltare Nino D’angelo che trovo pazzesco”.

Primi bilanci

Al termine della promozione di Cado entrambi si dedicheranno ai loro prossimi progetti.

Luca nel 2023 sarà impegnato nel suo primo tour a Milano, Roma e Napoli, la sua città d’origine dove sarà il 23 aprile al Palapartenope. Secondo i bene informati, il suo nome circola per la gara di Sanremo, anzi, secondo qualcuno, potrebbe anche esibirsi con il padre Gigi D’Alessio. Su queste voci di corridoio, nicchia: “A Napoli siamo scaramantici. E’ ovvio, che per chi fa questo mestiere stare sul palco dell’Ariston è un sogno, ma per ora davvero non si sa nulla”.

Tra qualche settimana invece Albe promuoverà la cover del cartoon Tazmania cantata con Cristina D’Avena nel suo prossimo album per celebrare i suoi 40 anni di carriera dove ha partecipato anche la sua insegnate ad Amici, Lorella Cuccarini.

L’anno scorso a quest’ora erano nella casetta di Amici. Oggi si parla di live, di album, di singoli da lanciare. Anche se la strada è ancora su una pendente salita, entrambi traggono le primissime somme.

Per Albe: “Dalla fine della mia avventura ad Amici all’l’uscita dell’album con l’organizzazione dei live sono passati circa 8 mesi. Spero di riuscire a rendere fieri di me i fan. Voglio fare del mio meglio e organizzare il tour così bene da invogliare a comprare due volte il biglietto”:

LDA a caldo commenta: “Ancora tutto mi sembra così strano. Per fortuna i progetti sono tanti. Pero sai qual è il punto? E’ che si iniziano a creare delle aspettative e bisogna quanto meno non tradirle. A un certo punto bisogna cercare di superarle sempre di più sia con un disco nuovo che con i concerti. Sono concentrato approcciando al lavoro con molta meticolosità. Sono anche fiducioso del lavoro che sto facendo e non vedo l’ora di mostrarlo e farlo ascoltare a tutti”


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai banchi di Amici alla canzone da milioni di streaming. LDA e Albe di nuovo insieme per Cado

NapoliToday è in caricamento