Coronavirus, nella Sanità nascono il "tampone solidale" e il "tampone sospeso" per i meno abbienti

Una campagna di screening dedicata alle fasce più deboli, che potranno sottoporsi a tampone a un prezzo di 18 euro. Sarà inoltre possibile - emulando la pratica dei caffè sospesi - lasciare un tampone pagato per chi non può permetterselo

L'associazione “Sa.Di.Sa. - SANITÀ, Diritti in Salute”, insieme alla “Fondazione Comunità di San Gennaro Onlus” ed in collaborazione con la Farmacia Mele del dottor Ersilio Mele e la Presidenza della Municipalità 3, danno il via ad una rivoluzionaria campagna di Covid- screening dal forte valore civico. Sarà offerta la possibilità a persone appartenenti a fasce sociali meno abbienti di potersi sottoporre allo screening al costo sociale di 18 euro. “Tutto nasce dalla convinzione che solo attraverso una campagna tamponi di massa, con conseguente individuazione dei soggetti positivi, si può evitare un aumento del contagio e, in un momento di grande crisi economica come quello attuale, il costo del tampone deve essere contenuto”, afferma l’avvocato Angelo Melone, presidente della Sa.Di.Sa., associazione che intende fornire un valido supporto nell’assistenza sanitaria, promuovendo iniziative, attività di prevenzione e cura, convenzioni mediche ed aiuto nei casi di malasanità.

È possibile, inoltre, per quanti vogliano supportare il progetto, donare tamponi a chi non può sostenerne il costo, attraverso la formula del “tampone sospeso” che richiama la filantropica usanza napoletana, diffusasi nella seconda guerra mondiale, del “caffè sospeso”. I tamponi saranno effettuati all’interno della Basilica di San Severo fuori le mura (Piazzetta san Severo a Capodimonte) nel quartiere Sanità di Napoli, rigorosamente previa prenotazione al numero dedicato 3792151320.

Si parte martedì 17 novembre con i test ma è già possibile prenotare lo screening. Inoltre, un Infopoint al servizio dei cittadini, sarà allestito già da sabato 14 novembre all’interno del chiostro della Basilica di Santa Maria alla Sanità, Via Sanità, 124 Napoli. Promotori dell’iniziativa, vari rappresentanti della multiforme e vivace realtà partenopea: l’avv. Angelo Melone, presidente dell’associazione “SANITA’ Diritti in salute”, i vicepresidenti dell’associazione nelle persone della giovane imprenditrice Giada Filippetti Della Rocca e del biologo Salvatore Sommella, don Antonio Loffredo parroco del Rione Sanità, Ivo Poggiani, Presidente della III Municipalità comune di Napoli e i responsabili medici dell’iniziativa: il dott. Stefano Viglione, il dott. Mario Russo ed il dott. Armando Monfregola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Tutto sulla dieta che ha restituito a Fiorello la sua forma smagliante

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • E' morto Diego Armando Maradona: Napoli piange per il suo campione

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

Torna su
NapoliToday è in caricamento