Spari in strada nel centro di Napoli: "Poteva essere una strage"

Il fatto è accaduto in via Pasquale Scura poco dopo le 8. C'è un ferito, alle gambe, che non dovrebbe versare in condizioni gravi. Chirico (II Municipalità): "Fatto gravissimo, di lì passano tantissime persone"

Foto Davide Schiavon-NT

Spari nel cuore di Napoli questa mattina, poco dopo le 8,00, con tante persone in strada in quel momento. Un 23enne è stato ferito da colpi di arma da fuoco in via Pasquale Scura, a pochi passi dalla centralissima via Toledo. Sul posto è intervenuta la Polizia di Stato con due volanti, e la Polizia Scientifica per i rilievi del caso.

Il ferito, dipendente di un bar sulla strada, secondo quanto appreso non dovrebbe essere in gravi condizioni: è stato gambizzato. Gli spari sono stati esplosi nell'esercizio da una persona a volto coperto e fuggito in scooter. Diversi i tavolini ribaltati all'esterno, probabilmente dai clienti nella concitazione dell'agguato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il commento di Francesco Chirico, presidente Municipalità

"Si tratta di un episodio gravissimo, che ci fa preoccupare". Così Francesco Chirico, presidente della II Municipalità, commenta quanto accaduto. "La dinamica è da agguato camorristico, o comunque da regolamento dei conti. In piena mattinata. Siamo stati fortunati non sia successo nulla di più grave. Siamo in pieno centro, a quell'ora del mattino di lì passano tantissime persone. Davvero un episodio che mi lascia preoccupato e lo affronterò immediatamente nel tavolo convocato la prossima settimana in Prefettura". "Occorre - conclude - fare di più nelle azioni investigative per la tutela del territorio. Questo è il centro della città, se cade il centro cade Napoli e l'intero Mezzogiorno".

Cantalamessa: "Lotta ai boss"

"Tagli alle scorte dei magistrati Antimafia e ai testimoni che hanno denunciato i clan, mentre a Napoli si spara per strada in pieno centro. Eppure il governo, a partire dal Viminale e dal Guardasigilli, tace. Con la Lega all’opposizione, è calata la sensibilità delle istituzioni e la sinistra si volta dall’altra parte. Ora la lotta ai boss è più debole: il Movimento 5 Stelle cosa ne pensa?”. Lo dice il deputato Gianluca Cantalamessa, capogruppo della Lega in commissione Antimafia".

Aggiornato alle 12

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

Torna su
NapoliToday è in caricamento