Cronaca

Sequestrate 697 sedie sdraio nel porto di Napoli: la scoperta

Di fabbricazione cinese e riportanti un noto brand, erano contraffatte

Immagine d'archivio

Un sequestro di 697 sedie sdraio contraffatte è stato portato a termine nel porto di Napoli.

Ad entrare in azione sono stati i funzionari dell'agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Napoli 1, i quali hanno intercettato nell'area portuale un container con merce varia di origine e provenienza cinese, destinata a società operante sul territorio cittadino.

L'ispezione del carico, integrata da un esame radiogeno eseguito attraverso l'apparecchiatura Hcv-G in dotazione, ha consentito di impedire l'introduzione sul territorio nazionale di una partita di sedie sdraio con il marchio registrato riconducibile a nota società britannica operante nel settore dell'abbigliamento sportivo.

I periti della società hanno confermato che si trattava di riproduzione non autorizzata dei propri segni distintivi e del logo, in violazione dei propri diritti di proprietà intellettuale. Le operazioni di verifica hanno inoltre portato alla luce il tentativo di importare un quantitativo di pezzi superiore a quello dichiarato e risultante dalla documentazione commerciale, con conseguente sottrazione della merce al pagamento dei diritti di confine.

La merce, 697 unità, è stata sequestrata. Il  rappresentante legale della società importatrice è stato denunciato per contraffazione e contrabbando.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrate 697 sedie sdraio nel porto di Napoli: la scoperta

NapoliToday è in caricamento