menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi sequestro di pesce: era in cattivo stato di conservazione

Il prodotto ittico, completamente privo di documenti di tracciabilità, era conservato in una cella frigorifera abusiva e non conforme alle norme igienico-sanitarie

Nell’ambito dei costanti controlli in materia di pesca a tutela dei consumatori, la Guardia Costiera di Ischia ha operato un sequestro di 500 chilogrammi di pesce per il quale è stato accertato il cattivo stato di conservazione. Il prodotto, completamente privo di documenti di tracciabilità, era conservato in una cella frigorifera abusiva e non conforme alle norme igienico-sanitarie.

Il successivo intervento del personale competente della ASL Napoli 2 Nord, ha consentito di accertare il cattivo stato di conservazione del
prodotto ittico, il quale era già suddiviso in partite di vendita per la consegna ad esercizi commerciali e privati e pronto per il successivo consumo.

L’intervento della Guardia Costiera ha consentito di evitare la vendita effettiva del prodotto e, conseguentemente, la cella frigorifera ed i 500
chilogrammi di pesce sono stati sottoposti a sequestro preventivo. Il titolare dell’esercizio commerciale è stato deferito alla competente
Autorità Giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

social

Lotto, estrazione di martedì 11 maggio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cura della persona

    Come usare il blush per riequilibrare la forma del viso

  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento