Opifici irregolari: due sequestri in provincia

In uno lavoravano in nero sei persone in nero. Nell'altro invece non c'era nemmeno l'impianto d'areazione

Utilizzavano lavoratori in nero o non avevano tutte le autorizzazioni necessarie per svolgere la loro attività. È quello che hanno scoperto i finanzieri del gruppo di Frattamaggiore a Sant'Antimo e Casandrino che hanno sequestrato due attività operanti nel settore manifatturiero. Nel primo i militari hanno sequestrato sia la struttura che tutta l'attrezzatura per diverse violazioni riguardanti le condizioni igienico-sanitarie dei luoghi di lavoro oltre che per le autorizzazioni allo smaltimento di rifiuti. Mancava inoltre l'impianto di areazione.

Nell'altra attività di Casandrino è stato scoperto un laboratorio artigianale abusivo, completamente sconosciuto al fisco, in cui erano impegnati sei lavoratori in nero, di cui quattro extra-comunitari. In entrambi i casi si è proceduto al sequestro delle strutture e alla denuncia dei titolari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento