rotate-mobile
Cronaca Giugliano in campania

Segregata in casa da una settimana senza telefonino, mostra un occhio nero ai carabinieri per far scoprire l'aguzzino

Una storia di violenza domestica scoperta

E’ da una telefonata al 112 realizzata dal cognato che si è venuta a scoprire una violenza domestica a Giugliano in Campania. I carabinieri della centrale operativa raccolgono l’indirizzo e mandano una pattuglia. Bussano insistentemente. Nessuna risposta, sulla porta una telecamera puntata sull’uscio. Passa qualche minuto e un’auto accosta. Dall’abitacolo escono un uomo e una donna, lei con gli occhiali da sole indossati. Uno dei carabinieri le chiede di mostrare gli occhi, uno è cerchiato di nero, tumefatto. E’ l’uomo a prendere la parola. Racconta che la compagna si è procurata la ferita con un telefono e intanto le cinge le spalle con un abbraccio. I militari non credono a una parola, prendono in disparte l’uno e l’altra. La donna scoppia a piangere. E’ stata segregata in casa dallo scorso martedì, il cellulare sequestrato.

Approfittando di un attimo di distrazione del compagno, la donna ha trovato il telefono nell’armadio e ha chiamato un familiare. Chi la costringeva tra quelle quattro mura l’ha scoperto e l’ha picchiata. Le ha stretto le mani al collo e poi l’ha colpita alla faccia con il telefono. Poi l’ha fatta salire in auto e l’ha portata in giro. I carabinieri hanno raccolto la denuncia della vittima e hanno fatto scattare le manette ai polsi del 51enne. E’ ora in carcere, in attesa di giudizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segregata in casa da una settimana senza telefonino, mostra un occhio nero ai carabinieri per far scoprire l'aguzzino

NapoliToday è in caricamento