menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scavi Ercolano

Scavi Ercolano

Manca la vigilanza: chiusi gli Scavi di Ercolano

"Un'unità della vigilanza si è assentata improvvisamente per malattia, rendendo impossibile per motivi di sicurezza l'apertura del sito", si legge in una nota della Soprintendenza Speciale per i beni archeologici

Gli scavi di Ercolano sono stati chiusi alle 13 del 6 luglio a causa della carenza del personale di vigilanza.  La Soprintendenza Speciale per i beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia, in una nota, "Nell'amareggiarsi per i disagi causati ai visitatori, sottolinea la criticita' della situazione che da tempo ormai grava sui siti archeologici vesuviani". Ad Ercolano sono disponibili 36 addetti alla vigilanza distribuiti su 5 turni.

Negli scavi di Ercolano ci sono al massimo di 6-7 custodi per turno per un'area di 4,5 ettari, dotata di tre ingressi, anch'essi da sottoporre a controllo. Numeri che consentono normalmente di garantire la tutela del monumento, ma non l'ottimale pubblica fruizione.

 In questo caso è bastato che un'unita' prevista per il servizio si sia assentata improvvisamente per malattia, rendendo impossibile per motivi di sicurezza l'apertura del sito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento