menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Statua di San Gennaro

Statua di San Gennaro

San Gennaro senza festa. "Declassato a patrono di serie B"

Nuova manovra finanziaria: la festività del 19 settembre scompare dal calendario. Ronghi, ex vicepresidente del Consiglio Regionale della Campania: "Invece di tagliare concretamente i costi della politica se la prendono con i Santi"

Procede l'iter burocratico ed amministrativo della nuova manovra finanziaria con l'ultima novità in ordine di tempo. Spazio allora alle feste laiche. Contrariamente a quanto deciso inizialmente, infatti, queste non saranno rinviate alla domenica. Quindi restano in vigore il Primo Maggio, 25 aprile e 2 giugno. Va male, invece, per le feste patronali. San Gennaro compreso. Salva la festa di Roma, Santi Pietro e Paolo, impossibile da sopprimere per una questione di Concordato con la Chiesa.

I COMMENTI - Salvatore Ronghi, ex vicepresidente del Consiglio Regionale della Campania: "Il Senato ha sancito che San Gennaro è declassato a Santo di serie b confermando la sola festività di San Pietro e Paolo a Roma: è proprio il caso di dire che questa classe politica non lascia in pace nemmeno i Santi. La cosa più grave è che non c'è stato uno straccio di senatore che abbia tentato una minima difesa di San Gennaro e, in generale, dei Santi Patroni. Invece di tagliare concretamente i costi della politica se la prendono con i Santi e con le tradizioni mettendo in campo un attacco tendente a smantellare l'identità dei territori e ciò che li rappresenta. Spero che i napoletani non dimentichino e propongo al cardinale Sepe di precludere l'accesso al nostro Duomo, particolarmente nella circostanza del Miracolo di San Gennaro, a quei politici che non perdono occasione di utilizzare mediaticamente il Santo Protettore della nostra città salvo, poi, fregarsene quando si tratta di difenderne la festività e la fede dei napoletani".


Il capogruppo di Fli a Napoli Andrea Santoro: "Alla fine questo Governo neanche i Santi in Cielo ha lasciato in pace. Il premier Berlusconi è arrivato dove neanche i comunisti avevano osato: lasciare in piedi solo le festività laiche e abolire le ricorrenze patronali care alla Chiesa Cattolica ma anche e soprattutto alla tradizione storica e culturale di tutta Italia. Forse è il primo passo per poi introdurre un'unica celebrazione su scala nazionale dedicata a San Silvio da Arcore, primo Santo nominato in vita per i miracoli fatti e per i martiri subiti?. A Napoli intendiamo fare di tutto per preservare la festività di San Gennaro e pertanto Futuro e Libertà è già al lavoro per promuovere iniziative nei prossimi giorni, anche provocatorie, contro questa assurda decisione". (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento