menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti speciali e pericolosi seppelliti in una cavità sotterranea a Monte di Dio

Gli agenti della Polizia Municipale di Napoli hanno posto sotto sequestro 250 metri cubi di rifiuti pericolosi e speciali seppelliti in una cavità a circa trenta metri di profondità

La Polizia Municipale del Reparto Tutela Ambientale è intervenuta in zona via Monte di Dio, allertata a seguito della scoperta fatta da personale della Direzione del servizio difesa idrogeologica del Comune di Napoli, che ha iniziato le verifiche nelle vaste e numerose cavità cittadine, al fine di monitorare lo stato di consistenza delle stesse e promuoverne il recupero e la manutenzione.

Gli agenti hanno posto sotto sequestro 250 metri cubi di rifiuti pericolosi e speciali (frutto delle ristrutturazioni edilizie della zona di via Monte di Dio) seppelliti nella cavità a circa trenta metri di profondità.

Il sopralluogo, eseguito attraversando cunicoli e scale antiche nel ventre della città, ha condotto ad una cisterna di circa cento metri quadrati, completamente colmata di scarti edili, rivestimenti, porcellane, pietre, infissi, componenti elettriche ma anche numerosi manufatti di amianto frantumati.

Si è riusciti ad avere accesso al sito solo attraversando la proprietà privata di un condominio di viale Calascione, constatando, così, che i rifiuti venivano gettati dalla bocca di una canna di un pozzo che dal calpestio in superficie conduce  sino alla grande camera un tempo utilizzata come rifugio antiaereo.

Gli accessi e la cavità sono stati sottoposti a sequestro per il reato di deposito incontrollato di rifiuti pericolosi nel sottosuolo. Sono in corso indagini per individuare i responsabili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento