rotate-mobile
L'inchiesta

Rapinavano orologi di lusso in Spagna: caccia alla banda di napoletani

Quattro persone arrestate e altre sei identificate e ricercate

La polizia spagnola in collaborazione con la squadra mobile di Napoli ha smantellato una banda itinerante, composta da cittadini italiani, specializzata nella rapina con violenza di orologi di alta gamma in zone turistiche come Marbella, Madrid, Barcellona, Ibiza e Palma di Maiorca. Ne dà notizia il ministero dell'Interno spagnolo. Quattro persone sono state arrestate e altre sei sono state identificate e per loro è stato richiesto un mandato d'arresto europeo. Si tratta di cittadini italiani, per lo più napoletani, che durante i mesi estivi si sono recati in gruppi di 3 o 4 persone in diverse città turistiche. Le vittime prescelte erano per lo più anziani stranieri.

L'indagine è iniziata durante l'estate. La banda si divideva in piccoli gruppetti che raggiungevano varie località turistiche per cercare potenziali vittime da rapinare. A essere presi di mira erano soprattutto cittadini stranieri anziani, che avrebbero avuto poi difficoltà a riconoscere gli aggressori. A cercare le vittime erano le donne della banda. Poi interveniva l'esecutore materiale della rapina, aiutato dai complici per nascondere la refurtiva. I membri della banda avevano adottato molteplici misure per evitare di essere identificati e arrestati, come l'utilizzo di documenti falsi sia per la registrazione in albergo che per il noleggio di auto, l'uso di cappellini, maschere o caschi da moto e l'abbandono immediato della città in cui veniva effettuata la rapina. Grazie alle indagini svolte e alle informazioni ottenute in collaborazione con la squadra mobile di Napoli, sono stati arrestati quattro membri della banda, tre dei quali sono stati incarcerati, mentre altri sei sono stati identificati e sono stati attivati i relativi mandati d'arresto europei.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinavano orologi di lusso in Spagna: caccia alla banda di napoletani

NapoliToday è in caricamento