Rapinatori di farmacie a 15 anni: i 'colpi' a segno armi alla mano con volto travisato

L'acquisizione dei filmati di videosorveglianza dei locali depredati ha consentito di ricostruire un modus operandi ben collaudato da parte dei due giovanissimi

Alle prime luci di oggi i Carabinieri della Tenenza di Caivano hanno dato esecuzione a un'ordinanza che dispone il collocamento in comunità, emessa dal G.I.P. del Tribunale per i Minorenni di Napoli, nell'ambito delle indagini volte all'identificazione degli autori di rapine perpetrate lo scorso mese di febbraio nella cittadina a nord di Napoli.

I destinatari del provvedimento sono due quindicenni ritenuti responsabili di due rapine realizzate a danno di note farmacie caivanesi e commessi con l’aggravante dell'utilizzo di armi e a volto travisato.

A carico dei due giovanissimi, le indagini, svolte dai Carabinieri sotto il coordinamento della Procura della Repubblica per i Minorenni di Napoli, hanno determinato l'acquisizione di elementi probatori che superano la soglia della gravità indiziaria, richiesta per l'applicazione di una misura tanto afflittiva, in considerazione dell'età degli indagati, come quella del collocamento in comunità.

In riferimento agli episodi contestati, l'acquisizione dei filmati di videosorveglianza dei locali depredati ha consentito di ricostruire un modus operandi ben collaudato, nel quale uno dei due soggetti teneva gli astanti sotto la costante minaccia delle armi, mentre l'altro provvedeva, a seconda dei casi, a saccheggiare il registratore di cassa o a fare da palo.

Particolarmente significativo l'episodio dell'identificazione dei due minori. I Carabinieri, nel corso di apposito servizio antirapina, provvedevano a bloccarli davanti all'ennesima farmacia presa di mira, in prossimità dell'orario di chiusura, mentre, scrutando il loro obiettivo, attendevano il momento propizio per entrare in azione, già provvisti di tutto l'occorrente (pistola a salve riproducente la classica Beretta 92 in uso alle forze dell'ordine e cappellini scaldacollo per travisarsi il volto).

Le successive analisi antropometriche, comparative tra i fotogrammi ritraenti i rapinatori e i destinatari delle odierne misure cautelari, unitamente agli abiti indossati nei fatti reato, puntualmente rinvenuti nella disponibilità degli indagati, hanno poi completato un quadro indiziario già fortemente orientato verso un'interpretazione univoca delle azioni criminose.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Coronavirus, De Luca: "Tra fine ottobre e novembre attesa la ripresa del contagio"

  • Elezioni Regionali Campania 2020: il fac-simile della scheda elettorale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento