rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
La polemica

Portaerei nel porto di Napoli, de Magistris: “La nostra è una città di pace”

L'arrivo della Truman ha scatenato le prime proteste

"Nel golfo di Napoli è giunta la portaerei USA Truman con armi nucleari. Durante il mio mandato di Sindaco di Napoli, con una delibera storica, dichiarammo il porto di Napoli ed il suo golfo denuclearizzato e che, quindi, tutte le navi e i sottomarini a propulsione nucleare non avrebbero potuto farne accesso. Delibera sicuramente simbolica, ma che evidenzia come la sovranità del nostro Paese sia limitata e che siamo subalterni alla NATO." scrive oggi Luigi de Magistris.

" Il Governo Conte/Salvini/Di Maio, nel frattempo, ci voleva chiudere il porto perché accoglievamo le navi delle ONG che salvavano le persone che fuggivano dalle guerre e dai suoi effetti duraturi, anche volute e condotte da governi occidentali, negli anni passati, in Libia come in Siria, in Iraq come in Afghanistan. Non ci piegammo al razzismo di Stato di guerra e aprimmo i porti, per obbedire alla Costituzione di fronte alle illegalità del potere" prosegue l'ex Sindaco di Napoli

" La nostra città è oggi aperta alle sorelle e ai fratelli ucraini, come a tutte le persone che hanno bisogno di aiuto e pace. Nello statuto della città di Napoli inserimmo in maniera indelebile: “città di pace”. Le portaerei con armi di distruzione di massa non sono gradite, devono rappresentare il passato non il futuro del nostro pianeta. Il nostro mare è di pace, non di guerra." conclude de Magistris

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portaerei nel porto di Napoli, de Magistris: “La nostra è una città di pace”

NapoliToday è in caricamento