menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Agguato, immagine d'archivio

Agguato, immagine d'archivio

Faida di Ercolano, fermo per mandante ed esecutore di un duplice omicidio

Già rispettivamente sorvegliato speciale e detenuto al 41bis, ai due indagati sarebbe ascrivibile la morte di Luigi Boccia e Pasquale Maiorano, elementi del clan Birra assassinati nel 2005

Sarebbero mandante ed esecutore di un duplice omicidio avvenuto nel 2005. È questa la ragione per cui un sorvegliato speciale di 36 anni ritenuto l'attuale reggente del clan Ascione, ed un 29enne al 41 bis per altri reati appartenente allo stesso gruppo – entrambi di Ercolano – sono stati i destinatari di un provvedimento di fermo emesso dalla Dda di Napoli.

Ad eseguire il fermo sono stati i carabinieri della compagnia di Torre del Greco. Il duplice omicidio in questione è quello di Luigi Boccia e Pasquale Maiorano, affiliati al clan contrapposto dei Birra, assassinati ad Ercolano il 28 giugno 2005. In quel periodo Ascione e Birra si contendevano il controllo dell'area.

Il provvedimento è stato deciso nel corso di indagini che si sono avvalse anche delle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia, che hanno poi trovato riscontro nelle verifiche effettuate dalle forze dell'ordine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento