Omicidio di Antonio Landieri: arrivano le prime condanne

Il giovane disabile stava giocando a calcio balilla in un bar durante la faida di Scampia e venne colpito in un raid

Arrivano le prime condanne per l'assassinio di Antonio Landieri, il giovane innocente colpito durante un raid di camorra a Scampia, durante la faida tra il clan Di Lauro e scissionisti. Il gup del tribunale di Napoli ha emesso il verdetto per i fatti risalenti al 6 novembre 2004. Ergastolo per Giovanni Esposito, Davide Francescone e Ciro Caiazza. Diciassette anni e quattro mesi per Gennaro Notturno e Pasquale Riccio. Assolti il boss degli scissionisti, Cesare Pagano e Giovanni Piana. Tutti giudicati con il rito abbreviato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si conclude così il primo capitolo vicenda giudiziaria di quel tragico assassinio. Landieri era nel bar a giocare al calcio balilla quando arrivarono i killer. Non era lui l'obiettivo del raid ma mentre gli altri riuscirono a scappare e mettersi al riparo, Antonio non riuscì a muoversi in tempo. Era disabile e non poteva scappare. Rimase ucciso dalla raffica di proiettili. Per anni la sua famiglia ha dovuto lottare per dimostrare che fosse completamente estraneo alle dinamiche criminali della faida e che fosse una vittima innocente di camorra. Adesso un campo da calcio nel suo quartiere è dedicato alla sua memoria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Grave incidente stradale in vacanza, muore Lello Iodice: lascia la moglie e tre figli

  • Carabiniere aggredito, quattro arresti: fermato anche l'uomo che gli ha rubato il borsello mentre era a terra

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento