"La mafia uccide solo d'estate": incontro con il regista Pif

Il film, Premio del Pubblico al Torino Film Festival, sarà proiettato al Modernissimo mercoledì alle 21. Al termine, Pierfrancesco Diliberto si intratterrà con il pubblico per un dibattito

Pif © Tm NewsInfophoto

Mercoledì 11 dicembre, alle ore 21.00, presso il Cinema Multisala Modernissimo (Via Cisterna dell'Olio, 49/59, Napoli), ci sarà l'incontro con Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, regista, sceneggiatore ed interprete de "La mafia uccide solo d'estate", film che si è aggiudicato il Premio del Pubblico all'ultima edizione del Torino Film Festival. Dopo la proiezione, che terminerà alle 22.30, Pif si intratterrà con il pubblico per un dibattito sul film e le tematiche ad esso collegate.

Sponsor ufficiale dell'evento sarà Libera Campania, che sempre l'11 Dicembre, in una cerimonia commemorativa, ricorderà Marcello Torre, vittima innocente della camorra ucciso a Pagani nel 1980; alla proiezione del film, assisteranno la vedova e i figli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL FILM: "Narra l'educazione sentimentale e civile di un bambino, Arturo, che nasce a Palermo lo stesso giorno in cui Vito Ciancimino, mafioso di rango, è stato eletto sindaco. E' una storia d’amore che racconta i tentativi di Arturo di conquistare il cuore della sua amata Flora, una compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari che vede come una principessa. Attraverso questa tenera e divertente storia d'amore, il pubblico verrà coinvolto emotivamente negli eventi più tragici della nostra storia recente. Arturo infatti è un ragazzo come tanti altri dell'Italia degli anni '70 ma, a differenza dei suoi coetanei del nord, è costretto a fare i conti con le infiltrazioni e le azioni criminose della mafia nella sua città. La consapevolezza di Arturo cresce anno dopo anno, ma nessuno lo ascolta. Palermo ha altro a cui pensare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

Torna su
NapoliToday è in caricamento