menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bus nella scarpata, il perito della Procura: "Fu guasto meccanico"

L'impianto di trasmissione del bus, che il 28 luglio 2013 trasportava un gruppo di pellegrini di Pozzuoli, ha ceduto, tranciando il sistema frenante. Questa la conclusione alla quale è giunto uno dei consulenti della Procura di Avellino

L'impianto di trasmissione del bus, che il 28 luglio 2013 trasportava un gruppo di pellegrini di Pozzuoli, ha ceduto, tranciando il sistema frenante.

Questa - come riferisce Repubblica Napoli - la conclusione alla quale è giunto uno dei consulenti della Procura di Avellino nell'indagine sull'incidente del pullman che precipitò dal viadotto autostradale Acqualonga a Monteforte Irpino sulla A16.

L'ingegnere Alessandro Lima, che per primo eseguì le verifiche sul bus nel quale morirono 40 persone, è stato ascoltato questa mattina nel corso del processo a carico di 15 persone, il proprietario dell'agenzia che noleggiò il bus, due funzionari della Motorizzazione Civile di Napoli, accusati di aver falsificato i documenti di revisione del mezzo, e 12 tra funzionari e dirigenti di Autostrade per l'Italia, ritenuti responsabili a vario titolo di una serie di omissioni.

Nella lunga deposizione dell'ingegnere Lima è emerso che il mezzo era gravemente compromesso anche nella struttura portante e che non avrebbe mai potuto superare in quelle condizioni tutte le verifiche previste in una normale procedura della Motorizzazione.

I bulloni che tenevano ancorato l'impianto di trasmissione, secondo il perito, non erano tutti uguali, non erano specifici e soprattutto non erano adatti. La revisione di quella parte del bus non viene però eseguita regolarmente. Infine sono stati esaminati anche gli pneumatici. Tutti diversi, dopo diverse verifiche, ha anche definito l'età delle gomme in almeno 5 anni.

Per rimettere in sesto il pulmann, secondo le stime contenute anche nella corposa perizia consegnata ai magistrati della procura di Avellino, sarebbero stati necessari tra i 15 e i 18mila euro. Il processo riprenderà il 17 febbraio prossimo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento