Coronavirus, il maxi piano della Regione Campania: stanziati oltre 600 milioni

Fondi per famiglie con minori, contributi sui mutui, bonus per lavoratori autonomi e professionisti, imprese. "Cerchiamo di aiutare tutti e farlo con tempi rapidi", spiega De Luca. "Abbiamo fatto uno sforzo senza eguali"

Ill Presidente Vincenzo De Luca - con il contributo delle proposte pervenute da istituzioni locali, gruppi politici, organizzazioni sociali, sindacali e imprenditoriali, istituzioni bancarie, il volontariato e le organizzazioni religiose - ha definito il Piano Socio Economico della Regione Campania contro la crisi, stanziando oltre 604 milioni.

Tra le misure principali assunte dalla Regione si segnala:

1) Contributo alle famiglie con disabili

2) Pensioni al minimo portate a 1.000 euro per due mesi

3) Contributo di 2.000 euro alle imprese commerciali, artigiane e industriali

4) Bonus a professionisti e lavoratori autonomi

5) Bonus alle aziende agricole e delle pesca

6) 30 milioni per il comparto del turismo. 

Il Governatore ha poi parlato nello specifico delle misure intraprese. Ecco la trascrizione delle sue parole. 

Politiche sociali

Guardiamo alla povera gente, alle imprese, ai ceti professinali autonomi. Il piano socio economico prevede un investimento di 272 milioni di euro. Mettiamo in campo onus per persone che hanno disabilità non gravissime. Contributo per famiglie con bimbi autistici, prevediamo di aiutare 51mila famiglie non ancora coperte con un bonus di 600 euro. 

Pensioni

Nessuna pensione al di sotto di 1000 euro. Gli assegni sociali o le pensioni sociali le portiamo a 1000 euro per due mesi. E' un segnale di civiltà che presentiamo al governo nazionale. Il paese che consente la permanenza di pensioni di 490 euro non è paese civile. Noi facciamo questo sforzo. In media bonus da 550 euro per portare tutte a mille euro. Ci rivolgiamo a una platea di 75mila beneficiari. Speriamo in una procedura semplificata. Speriamo di farcela per aprile, altrimenti maggio e giugno. 

Aiuti economici per famiglie con bambini sotto i 15 anni

Prevediamo contributi per 400 euro per favorire l'accesso ai servizi educativi informatici. Stanziamo per questo 7 milioni di euro. Poi mettiamo in campo circa 500 euro per nucleo familiare con Isee fino a 25mila e 300 euro per Isee fino a 30 mila. Misura che grava solo su bilancio regionale. La Regione Campania investe 604 milioni di euro. Dobbiamo dare respiro alle persone e alle imprese. 

Sostegno ai piani sociali di zona e agli immigrati

Parliamo ora di disabilità gravissima e persone non autosofficienti. Trasferiamo 39 milioni di euro, 57 milioni di euro per politiche sociali (tossicodipendenze, povertà) ai piani di zona. Anticipati già 15 milioni ai piani sociali di zona. Contributi ai Comuni della fascia di Castelvolturno e della Piana del Sele per migliorare le abitazioni degli immigrati e i trasporti. Forniremo kit igienici e assistenze sanitaria per un milione di euro. 

Agricoltura

Acquisteremo produzioni agricole invendute e le daremo al banco alimentare. Chiederemo ai Comuni di darci informazioni dettagliate sull'uso dei contributi nazionali così da evitare sovrapposizioni. 

Sostegno alle imprese

Non potremo coprire tutte le esigenze ma cerchiamo di fare quello che è possibile per trasferire liquidità da subito. Abbiamo pensato a un meccanismo semplice: contributo generale di 2000 euro a tutte le micro imprese con meno di 10 addetti e fino a 2 milioni di euro di fatturati. Prevediamo quarantamila imprese beneficiarie. Industrie, artigiani, aziende commerciali. I commercialisti segnaleranno i soggetti su una piattaforma della Regione e noi faremo controlli a campione. Cerchiamo di essere operativi in quindici giorni. Stanzieremo un fondo di garanzia per i prestiti (intercetteremo 2500 imprese circa).

Professionisti e lavoratori autonomi

Destinati 80 milioni di euro a professionisti e autonomi. E' una misura che si somma ai 600 euro dell'una tantum nazionale. Noi daremo un contributo di 1000 euro per lavoratori autonomi, professionisti. Pensiamo di utilizzare camere di commercio e commercialisti: bisogna segnalare associati che hanno fatturato meno di 35mila euro nel 2019. Contiamo di fare gli accrediti o versare tramite le casse di previdenza degli ordini professionali e di chiudere tutto nell'arco di due settimane.  

Aggiornamento ore 17:00 - Nota della regione: Si precisa che al capitolo "Misure di sostegno alle imprese" si comprendono anche le imprese e i lavoratori del mondo della cultura e dello spettacolo, che potranno quindi essere destinatari del sostegno previsto. Il comparto potrà contare inoltre sulle risorse di bilancio relative alla Legge Cinema e al Fondo per lo Spettacolo, che saranno rifinanziate.

Turismo 

30 milioni di euro per i lavoratori stagionali impegnati in attività alberghiere ed extra alberghiere. Contributo aggiuntivo rispetto ai 600 euro nazionali. Circa 25mila unità lavorative, 300 euro mensili per 4 mesi. 

Casa

C'è già un bando per contributi alloggiativi che scade il 27 aprile. Presentate 26mila domande. Vedremo di fare un ulteriore bando. Per ora stanziamo un contributo fino a duemile euro per redditi Isee bassi. Prevediamo fondo di solidarietà per alloggi popolari. Sostegno al fitto dei locali commerciali insediati nel patrimonio pubblico. Sostegno al fitto delle abitazioni principale: per nucleo familiare duemila euro. Contributi sui mutui prima casa per 5 milioni di euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ringrazio i colleghi assessori. Credo che abbiamo fatto uno sforzo enorme, uno sforzo che non he eguali in nessuna regione d'Italia. Per alcune misure abbiamo fatto uno sforzo enorme. Vi chiedo di accompagnare questo sforzo con senso di responsabilità. Se saremo tutti responsabili da dopo Pasqua possiamo iniziare a pensare alla seconda fase. Dobbiamo azzerare il problema. Due weekend decisivi e capiremo se abbiamo imboccato strada discendente. Poi piano piano possiamo riprendere attività produttive. Ci avviciniamo a Pasqua, vi faccio auguri anticipati. Nessuno pensi di rilassarsi. Rischiamo di perdere tutto. Restiamo in casa, re-impariamo a fare pranzi come quelli delle nostri madri, impariamo a fare i dolci, le pastiere. Siate responsabili, tutti a casa. Il sacrificio ci aiuterà a vedere la luce in fondo al tunnel", ha concluso Vincenzo De Luca

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Lite in strada a Napoli in pieno giorno: morto un uomo

Torna su
NapoliToday è in caricamento