Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca Chiaia

Mancano i farmaci in città: "È colpa della Ztl"

Il presidente di Federfarma, Michele Di Iorio, sulla zona Chiaia-Posillipo: "Ogni farmacia ha la necessità di ricevere in media quattro rifornimenti giornalieri. Ma con le restrizioni della Ztl, i distributori intermedi non riescono a effettuare le consegne"

Farmacia

Mancano i farmaci a Napoli, colpa della Ztl. La denuncia è del presidente di Federfarma, Michele Di Iorio, che parla di "interruzione di pubblico servizio" e scrive a sindaco, assessore alla Mobilità e direttore dell'Asl Napoli 1 per chiedere una deroga per i furgoni che trasportano medicinali in zone interessate dal dispositivo per il traffico. Secondo il presidente Federfarma Napoli, ci sono difficoltà per le farmacie che si trovano nella nuova Zona a traffico limitato e che faticano a ricevere i quotidiani approvvigionamenti di farmaci.

"Nella zona Chiaia-Posillipo - dice Di Iorio - ci sono 34 farmacie, pari al 10% di quelle cittadine, oltre a una farmacia distrettuale, Loreto Crispi. Ogni farmacia ha la necessità di ricevere in media quattro rifornimenti giornalieri per il riassortimento delle scorte. Purtroppo, con le restrizioni della Ztl e il relativo traffico nelle aree immediatamente adiacenti, i distributori intermedi non riescono a effettuare puntualmente le consegne. Un quadro molto critico cui vanno ad aggiungersi le difficoltà nella zona centrale della città dove i varchi di via Toledo, piazza Dante e via Duomo già creano alle farmacie della zona enormi difficoltà nell'approvvigionamento dei farmaci".


Per il numero uno di Federfarma la soluzione potrebbe quindi essere una deroga speciale per i trasportatori. "Chiediamo una deroga per i furgoni che trasportano medicinali - dice Di Iorio - Non è pensabile, ad esempio, trasportare a mano da Piazza Sannazzaro ad una farmacia della Riviera di Chiaia un farmaco che tra l'altro ha bisogno di particolari accortezze. La nostra - dice - non è una protesta di tipo commerciale, che già di per se sarebbe legittima, ma qui ci troviamo di fronte a interruzione di pubblico servizio. E' giusto che si sappia che in farmacia il cittadino utente ha il diritto di poter reperire un farmaco, mentre al farmacista è fatto obbligo, per legge, di avere o reperire qualsiasi farmaco. La puntualità di una consegna, quindi, non fa la differenza sull'incasso del farmacista, ma sul diritto alla salute del cittadino" conclude Di Iorio. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancano i farmaci in città: "È colpa della Ztl"

NapoliToday è in caricamento