menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, accordo tra Provincia e comuni del Nolano sempre più vicino

Consegnato a Cesaro uno studio di fattibilità. Il documento verrà sottoposto a breve al vaglio dei responsabili della Provincia. Sarà alla base di un accordo di programma che potrebbe essere firmato lunedì prossimo

Sembra essere ormai vicino l'accordo tra la Provincia di Napoli ed i comuni dell'area nolana sul fronte del piano per la gestione dei rifiuti. Ieri, l'incontro nella sede della Provincia tra il presidente Luigi Cesaro e i rappresentanti dell'Agenzia nolana guidata dal presidente Andrea Manzi. Qualcosa inizia dunque a muoversi nell'eterna crisi dei rifiuti che investe da troppo tempo la città e il suo hinterland.

Al presidente Cesaro è stato consegnato uno studio di fattibilità elaborato sulla base degli incontri avuti nelle scorse settimane tra l'amministrazione provinciale ed i vari esponenti degli enti locali nolani. Nel corso della settimana il documento verrà sottoposto al vaglio dei responsabili della Provincia di Napoli e sarà alla base di un accordo di programma che potrebbe essere firmato già lunedì prossimo, quando le parti hanno già concordato di aggiornarsi.

"È un momento importantissimo e fondamentale per la nostra provincia che vede finalmente una sinergia produttiva sul territorio per la soluzione della questione rifiuti", ha dichiarato Cesaro al termine della riunione. "Siamo molto vicini all'accordo con i sindaci dell'area nolana che non smetterò mai di ringraziare per la collaborazione e per la competenza dimostrata nell'affrontare la questione. Bisognerà forse limare qualche dettaglio, ma siamo quanto mai vicini alla definizione di un progetto per questa area omogenea".

"Il Piano che abbiamo elaborato per le sette aree omogenee dell'ambito provinciale ha convinto i sindaci - ha continuato Cesaro - l'accordo è vicino anche grazie alle buone percentuali di raccolta differenziata che esprime quel territorio, che permetterà di non sversare in discarica rifiuti tal quale. Anzi, grazie ai lavori di bio-stabilizzazione che stiamo completando nello Stir di Tufino e che realizzeremo anche per l'analogo impianto di Giugliano - ha aggiunto - potremo scegliere tra diverse cave esistenti sul territorio da colmare con materiale per la ricomposizione ambientale. In questo ci aiuta anche la recente normativa approvata dal Governo con cui possiamo utilizzare cave chiuse o abbandonate".

"Se, come sembra, lunedì andremo a firmare questo accordo, sono ottimista che su questa base - ha concluso il presidente Cesaro - potremo firmare analoghi protocolli anche con le altre aree individuate dalla Provincia. Si tratterebbe della giusta conclusione di un processo che come Presidente della provincia di Napoli ho iniziato mesi addietro, e che il 15 febbraio scorso abbiamo relazionato al Governo, alla Protezione Civile ed alla Regione Campania".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento