menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Elena Petti

Elena Petti

Leucemica contrae l'aviaria, l'accusa della figlia: "Colpa dell'ospedale"

Secondo la figlia di Elena Petti, 56enne in gravi condizioni al Secondo Policlinico, l'ospedale non avrebbe bonificato il reparto al momento del ricovero

Elena Petti lotta tra la vita e la morte, dopo aver contratto l'influenza aviaria. Le sue condizioni continuano a destare preoccupazione: dallo scorso 21 aprile è in coma farmacologico, ricoverata nel reparto di Rianimazione del Secondo Policlinico. Leucemica, per i parenti ha contratto l'infezione proprio in ospedale. Dopo la denuncia dei familiari la Procura ha acquisito la sua cartella clinica, aprendo un fascicolo a carico di ignoti.

Elena, 56 anni a maggio, come raccontano i familiari non aveva alcuna voglia di sottoporsi al trattamento per innalzare le sue difese immunitarie. “Mia madre non voleva ricoverarsi, era preoccupatissima per le notizie che arrivavano dall'ospedale – racconta al Mattino sua figlia, Nicoletta – continuavano a posticiparle la data del ricovero per l'aggravarsi di un altro paziente ricoverato nel reparto che avrebbe ospitato mia madre nei giorni successivi. Continuava a ripetere che non volesse andarci, poi si è convinta ma a malincuore”.

“Mia madre è il perno della famiglia – spiega la ragazza – e, nonostante la leucemia che l'ha colpita nel 2013, non si è mai abbattuta. Stava benissimo prima del ricovero, nonostante la leucemia che tra l'altro non era nemmeno così invalidante. Tanto che non ha mai dovuto sottoporsi a trattamenti particolari, come la chemioterapia. Però faceva di tutto per non andare incontro ad eventuali infezioni. Ha sempre continuato a svolgere una vita normale”.

L'accusa al nosocomio è di “superficialità”. Adesso la donna è isolata da tutti, anche dai parenti. “La malattia l'ha contratta in questo ospedale – dicono – trasmessa da un paziente ricoverato con la stessa patologia e che ha occupato la medesima stanza nei giorni precedenti”. Il sospetto è che il reparto non sia stato bonificato prima del suo arrivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid in Campania, il bollettino: più di 2mila positivi e 14 decessi

  • Cronaca

    Presidio per Ugo Russo, la lettera commovente dei genitori

  • Cronaca

    Scavi di Pompei, emerge un carro cerimoniale perfettamente conservato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento