Il questore De Iesu: "Negli occhi dell'accoltellatore di Arturo c'era tenerezza"

Intervenuto a una manifestazione in memoria di Attilio Romano, vittima innocente di camorra, De Iesu ha detto che "viste le fotografie dell'accoltellatore a un anno, si nota la stessa tenerezza che c'era in tutti i bambini"

"Gli occhi dell'accoltellatore di Arturo a un anno avevano la stessa tenerezza di mio figlio". Lo ha detto il questore di Napoli Antonio De Iesu, intervenuto all'iniziativa "Giornata del dialogo sulla legalita'", in nome di Attilio Romano, vittima innocente di camorr. "Cosa accade nelle vite di quei bambini quando crescono? C'è un vuoto, qualcosa che non va nelle famiglie, nel contesto in cui vivono", afferma il questore. "E a questo punto le sanzioni non bastano, non si può pensare di risolvere la situazione privando della libertà un ragazzino". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento