menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dia a Casapesenna

Dia a Casapesenna

Casalesi, arresti a Casapesenna: in manette anche il sindaco

Il primo cittadino accusato di violenza privata ai danni del suo ex vice al quale avrebbe impedito di organizzare manifestazioni per la legalità. Arrestati "colletti bianchi" che riciclavano denaro sporco

Personale del Centro Operativo della Dia di Napoli sta eseguendo in queste ore, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, numerose perquisizioni ed arresti nella zona di Casapesenna e nel Basso Lazio nei confronti di 'colletti bianchi' ritenuti favoreggiatori del clan dei Casalesi e in particolare di Michele Zagaria.

Tra gli arrestati figura anche il sindaco di Casapesenna, Fortunato Zagaria, omonimo ma non parente del boss della camorra. L'uomo è accusato, in concorso con Michele Zagaria, di violenza privata nei confronti del precedente sindaco del Comune casertano, Giovanni Zara.

Secondo l'accusa, a quest'ultimo, durante il suo mandato, era stato 'consigliato' ripetutamente da Fortunato Zagaria, anche a nome del 'boss', di non assumere iniziative pubbliche contro la camorra, perché erano sgradite a Michele Zagaria. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento